TRA STORIA E MITO
STORIA DEGLI STATI

AFGHANISTAN
L'invasione sovietica
Anni di guerra, migliaia di morti e profughi per il Vietnam russo.

Sostieni Tra Storia e Mito
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
AfghanistanNel luglio 1973, il re Zahir Shah viene detronizzato da un colpo di stato del principe Mohammad Daud che diventa presidente della repubblica.

A sua volta Duad viene ucciso nel 1978 e il Partito Democratico del Popolo Afgano, con indirizzo filosovietico, da inizio ad una rivoluzione che porterà alla nascita della Repubblica Democratica Afgana; sale alla presidenza Mohammad Taraki, il vicepremier è Babrak Karmal.

Il nuovo regime applica delle riforme al fine di sovietizzare e laicizzare il paese.
Questo alimenta lo scontento di larghi strati della popolazione.

La resistenza islamica comincia ad organizzarsi e nel gennaio 1979 iniziano i primi scontri fra truppe regolari e resistenza islamica.
A marzo in una rivolta a Herat vengono uccisi alcuni consiglieri sovietici.
A metà dell'anno, circa l'80% del paese è sotto il controllo delle formazioni islamiche della guerriglia appoggiate da Pakistan, Iran e Cina.

Intanto gli americani forniscono consistenti aiuti alla guerriglia islamista con la speranza di forzare l'URSS ad un intervento militare, creando così un Vietnam Russo.
Il 16 settembre viene ucciso il presidente Taraki e sale al potere Amin, l'URSS teme che questa situazione possa portare ad un'estensione della guerriglia alle repubbliche sovietiche dell'Asia centrale musulmana.

Il 26 settembre, l' Armata Rossa invade l'Afghanistan, i servizi segreti uccidono Amin e il potere viene preso da Karmal.
Nel 1980 l'ONU condanna l'invasione sovietica, gli Stati Uniti offrono al Pakistan un sostanzioso piano di aiuti economici e militari per contrastare l'avanzata russa in Afghanistan.

I ribelli costituiscono un governo provvisorio nelle zone sotto il loro controllo, mentre la risoluzione 35 dell'ONU chiede l'immediato ritiro di tutte le truppe straniere dall'Afghanistan.
Perez de Quellar viene nominato nel 1981 dall'ONU inviato speciale in Afghanistan.

L'11 agosto 1982 Kabul viene attaccata per la prima volta dai mujhaiddin.
Nell'anno successivo i profughi afgani sono circa tre milioni e mezzo rifugiati in Pakistan e due milioni n Iran, altre migliaia in Infia, Europa e Stati Uniti, mentre le truppe sovietiche raggruppano centomila uomini.
Nel 1984 l'Unione Sovietica attacca la guerriglia nella Valle del Pashir.

Reagan annuncia la fornitura di missili Stinger ai guerriglieri, il flusso di aiuti economici e militari USA è molto alto.
E' il 1985 quando in Unione Sovietica viene eletto Gorbaciov, che si dichiara disponibile ad una soluzione politica della crisi afgana.
A novembre si incontrerà a Ginevra con Reagan.

Karmal, nel 1986, perde l'appoggio sovietico ed è costretto a dimettersi, viene sostituito dall'ex capo dei servizi segreti Najibullah.
Nei mesi seguenti sei reggimenti dell'Armata Rossa vengono ritirati, ma solo a scopo dimostrativo, infatti il potere sovietico continua a discutere sul ritiro completo.

Nel 1987 è in vigore una nuova costituzione, anche se l'80% delle campagne e il 40% delle città sono fuori dal controllo governativo.
Ad aprile 1988 a Ginevra viene firmato l'accordo definitivo per il ritiro dell'Armata Rossa, sotto il controllo dell'ONU.

Il 25 maggio inizia il ritiro, a dicembre oltre metà delle truppe sono ritornate in patria.
Il 15 febbraio 1989 viene ultimato il ritiro delle truppe sovietiche.

Ahmad- Shah-Massoud
IL leone del Panshir
L'invasione sovietica
Anni di guerra, migliaia di morti e profughi per il Vietnam russo.
I talebani
I Talebani nascono dalla Madrasse, le scuole coraniche private sorte in Afghanistan e Pakistan per la preservazione dell'integrità dell'interpretazione teologica del Sacro Corano.


Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo

AFGHANISTAN TRA STORIA E MITO  STORIA DEGLI STATI

Collabora con noi