ASTROLOGIA
ARIETE MARTE

Marte , signore dell’Ariete e della Prima casa dello zodiaco presiede alla guerra, alla lotta, alla rabbia all’aggressività pura.
Sovrintende all’istinto, alla libido intesa nel senso freudiano, all’energia pura. Energia di vita, di lotta, di combattimento, di autoaffermazione. E’ difesa ed autodifesa, costruzione oltre che distruzione. Impeto e slancio, coraggio, sangue caldo e potenza sessuale.
Marte nel mito rappresenta il guerriero, il danzatore, l’amante.
Ingenuo e spavaldo, spesso poco accorto.
La sua è azione rapida, pensiero rapido, di cui spesso non si valutano appieno le conseguenze, ama la forza bruta, non è un’intellettuale, il gioco dei muscoli, la corsa, gli sport, il rischio, il brivido e l’esaltazione.
Spaventoso nella sua rabbia, implacabile ma avventato, si calma solo quando è preso dai lacci di Venere, questa allora diventa passione travolgente, irresistibile, il sapore della carne ed il profumo del sangue. Quando non combatte ama. Si distingue per il suo valore in battaglia e nel letto. Altro tipo di lotta.

Gli si addice il rosso, colore del sangue e della collera, la mancanza di coscienza ed autocontrollo. Le sue passioni , però in guerra ed in amore, sono pulite, sane, aperte e leali. Non c’è l’astuzia di Mercurio né il contorcimento di Plutone, né l’individualismo di Urano, ne la freddezza di Saturno.
Impulsivo e pronto ad infiammarsi, altrettanto facilmente si stanca. E’ scintilla di fuoco, coraggio senza meditazione, atto generoso dettato dall’amore o risposta immediata della rabbia accecante. Porta la vita dove c’è la morte, il movimento dove c’è staticità. Equilibrato da Venere, da buona sessualità e rapporti stabili, aiutato da Saturno da logica e coerenza, insieme a Plutone crea il martire e l’eroe. Se sposa una causa nobile sarà il cavaliere errante, senza di essa sarà il vile mercenario. Ma sarà sempre e si farà trovare dove c’è vita e movimento, passione e lotta, sesso e sangue. E’ giovane e non può invecchiare, sempre ardente e a modo suo sincero, nell’odio o nell’amore.

PARTI DEL CORPO: reni, fegato, narici, fiele, sistema genito-urinario, sistema nervoso encefalico e cerebro-spinale, organi della testa e ghiandole vascolari sanguigne
MALATTIE: febbri terzane, epidemie, pste, emicranie, foruncoli, pustole, frenesie, flussi di sangue, itterizia, nefrite, dissenteria, infiammazioni, lesioni
TEMPERAMENTO: muscolare
UMORI: umori collerici
COLORI: rosso viola
METALLI: ferro, antimonio, magnete
GEMME: rubino, sanguigna, granata, corniola, diamante , magnete, diaspro ametista
PIANTE: aloe, anemone, peonia, ginestra, ranuncolo, rabarbaro, crespino, fucsia, luppolo, tabacco, aglio, euforbio, navone, rapa, cardo, ortica, cipolla, scalogno, porro, senape, corniolo
PROFUMI: sandalo, cipresso, aloe
INFLUENZE FISIOLOGICHE: bile
QUALITA’: spirito forte
FISIOPATOLOGIA: Organi genitali esterni maschili, vescicola biliare, orecchio sinistro, forza muscolare, fisiologia di azione e reazione, espansione e contrazione dei muscoli, delle viscere, peristaltismo, diastole, sistole, respiro, antagonismo vago – simpatico, sistema immunitario, vago motricità, regolazione termica, reazioni automedicatrici all’intossicazione umorale, ,reazioni alle sollecitazioni terapeutiche, febbre, sudore, diarrea, eruzioni, ruolo dinamogeno degli ormoni, timo tiroide ipofisi, surrenale, desiderio sessuale, mestruazioni, ( bile, reni, muscoli, genitali) anemia, cefalea congestive, congestione oculare, emorragie, epistassi ,miocardite, palpitazioni, reumatismi, lombaggini turbe la genito urinario, incontinenza di urina, nefrite, amenorrea, dismenorrea, impotenza, afrodisia, riflessi automatici di autodifesa

Marte
Noto come il pianeta rosso per la sua colorazione visibile anche ad occhio nudo, Marte, se osservato al telescopio, rivela due bianche calotte polari, macchie di color rosso cupo e una serie di sottili strutture scure, i canali individuati da Schiaparelli nel 1877, che per la loro disposizione regolare, fecero pensare all’esistenza di civiltà extraterrestri. In seguito è stato accertato che i canali non sono altro che illusioni ottiche dovute a turbolenze atmosferiche.
Le calotte sono costituite da uno strato di ghiaccio d’acqua ricoperto da un altro di ghiaccio secco (anidride carbonica solida), il quale fonde durante l’estate marziana perché la temperatura ambientale (-68 °C) è superiore a quella di liquefazione dell’anidride carbonica (-125 °C), secondo la pressione atmosferica di Marte.
L’atmosfera marziana è composta prevalentemente di anidride carbonica con tracce di azoto e di vapore acqueo; è molto rarefatta, dato che è circa 100 volte meno densa di quella terrestre, e quindi risulta piuttosto agevole studiare la superficie del pianeta.
La superficie di Marte è stata fotografata a partire dal dagli anni ’60 dalle sonde della serie Mariner e Viking e presenta caratteristiche fortemente diverse da una zona all’altra del pianeta. Nell’emisfero settentrionale predominano infatti regioni pianeggianti e desertiche coperte da rocce rossastre e da detriti ricchi di ferro e di idrossidi di ferro. L’emisfero meridionale, invece, appare molto accidentato e ricoperto da numerosi crateri, segno di antichi bombardamenti meteoritici; in tale emisfero, ad esempio, si trova Hellas, uno dei più grandi bacini da impatto del sistema solare, che ha un diametro di 1800 km e una profondità di 3 km. Caratteristiche sono anche le due vaste regioni Tharis ed Elysium, situate al di sopra dell’equatore di Marte: presentano una concentrazione di vulcani di notevoli dimensioni, quale il Monte Olimpo, alto 26 km. La zona meridionale della Tharis è, inoltre, solcata dalla Valles Marineris, un’enorme frattura che si estende per più di 5000 km, pari ad 1/6 della circonferenza di Marte , ed è larga in alcuni tratti anche 100 km.
Marte ha due satelliti, Phobos e Deimos, scoperti nel 1877 da A. Hall. Entrambi sono molto piccoli e di forma irregolare – il diametro medio di Phobos è di 25 km, quello di Deimos è di 13 km – ed hanno la superficie quasi completamente ricoperta di crateri di varie dimensioni.

a cura di Cristina Tartaglino
Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale
Ariete Marte Toro Venere Gemelli Mercurio
Cancro Luna Leone Sole Vergine Estia
Bilancia Atena Scorpione Plutone Sagittario Giove
Capricorno – Saturno Acquario - Urano Pesci Nettuno

Astrologia nell'Antico Egitto

SOSTIENI IL NOSTRO LAVORO



Astrologia - Segni zodiacali