TRA STORIA E MITO
MEDIOEVO TRA LUCE E BUIO
L'ARTE GOTICA NEL MEDIOEVO
Sostieni il nostro sito con una piccola donazione
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
Cattedrale Saint Denis
Cattedrale Saint Denis

Cattedrale di Chartres
Cattedrale di Chartres

Fu così chiamata dagli umanisti, con senso dispregiativo, l’arte europea occidentale che va dal secolo XIII al XV, ritenuta barbara in quanto molto distante dai modelli classici.

L’architettura gotica ha caratteristiche profondamente originali, con largo utilizzo dell’arco acuto e della volta a costoloni; noti nell’arte romanica per la prima volta furono coordinati in modo da permettere uno slancio verticale più elevato rispetto al periodo precedente, inoltre l’impiego di contrafforti e di archi rampanti diminuiva la funzione portante delle pareti, che si aprivano in larghe vetrate colorate.


Il primo monumento che seguì questo nuovo stile fu l’abbazia benedettina di Saint Denis presso Parigi, eretta dall’abate Suger nel XII secolo.
L’abate progettò un nuovo coro con una serie di cappelle radiali a forma trapezoidale direttamente collegate ad un deambulatorio che permetteva ai fedeli di muoversi liberamente anche dietro il recinto del coro. Le cappelle radiali erano coperte da volte a crociera e sulle pareti si aprivano ampie finestre che davano una gran luminosità allo spazio interno.

Esternamente l’edificio gotico appare sempre più adorno di sculture; ha di solito una facciata a tre portali fiancheggiata da due campanili, con un ampio rosone che illumina l’interno, un esempio è la cattedrale di Chartres (1194 -1260), considerata uno degli edifici religiosi più importanti del mondo.

L’interno ha una navata di trentasette metri, mentre la facciata occidentale è particolarmente importante per una serie di sculture della metà del XII secolo salvate da un incendio del 1194 e che rappresentano la transizione tra lo stile romanico e il gotico.
La cattedrale di Chartres è particolarmente nota per il suo eccezionale insieme di vetrate del XIII secolo dalla policromia eccezionale nelle quali si può ammirare il famoso blu di Chartres.

Inoltre l’edificio è caratterizzato dall’enorme differenza tra le due torri, quella a sud è dotata di una base tipicamente gotica ed è sormontata da una semplice guglia, mentre quella a nord, costruita in epoca più tarda, è di architettura molto complessa.

Con il passar del tempo questi elementi si accentuarono, aumentarono le decorazioni, le pareti apparivano come merletti di pietra, mentre all’interno, grazie alle vetrate dagli intensi colori, era un tripudio di luce.

L’arte gotica fu soppiantata dal ritorno ai modelli classici e considerata con ancor più profondo disprezzo dagli illuministi.
Solo con primo Ottocento e l’avvento della sensibilità romantica fu riscoperta e celebrata, conducendo addirittura alla moda dell’architettura neogotica.

POTREBBE INTERESSARTI:
Un'insolita profezia: Torino, un angelo e le cattedrali trine

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo


TRA STORIA E MITO

MEDIOEVO PRIMA PARTE

MEDIOEVO SECONDA PARTE

Collabora con noi