TRA STORIA E MITO
ANTICO EGITTO DI ISIDE
CARTIGLIO
Sostieni Antico Egitto di Iside
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
Cartiglio Nefertari
Cartiglio Nefertari




Cartiglio Akhenaton
Akhenaton

Cartiglio Tutankhanom
 
Tutankamon

Cartiglio Amenofi I
 
Amenofi I

Cartiglio Thutmosi I
 
Thutmosi I

Cartiglio Horemhab
 
Horemhab

Cartiglio Hatshepsut
 
Hatshepsut
Per gli antichi egizi la parola aveva un magico potere: il nome evocava, creava, "era" la cosa nominata.

Chiamarsi " Protettore dell'Egitto" voleva dire divenirlo realmente.
Questi concetti davano un potere creativo tanto alla scrittura geroglifica, quanto alle raffigurazioni.
Per questo il nome del cartiglio era fondamentale per il sovrano, che ne possedeva ben cinque: la " titolatura" reale.
Il primo ( dedicato a Horus, il dio  Falco, di cui il re era l'erede terreno e l'incarnazione ), appare già prima della I Dinastia.

Sempre nella I Dinastia compare il nome del " Giunco e Ape " ossia " Re dell'Alto e del Basso Egitto " ( il giunco è una pianta simbolo della valle del Nilo, l'ape del Delta) e il nome delle " Due Signore" cioè di Wadjet e Nekbet, dee tutelari delle due terre.

Dalla IV Dinastia appare il nome di "Horus d'Oro" mentre quello del "Giungo e Ape" si trasforma nel prenome che rappresentava il titolo religioso del re.
Anche il vero nome del sovrano, che gli apparteneva dalla nascita, apparve dalla IV Dinastia; da allora nome e prenome vennero incisi sui monumenti dei faraoni.

Identificare i re delle prime dinastie è difficile perché sui monumenti della loro epoca appare il nome di Horus, più tardi furono riportati solo il quarto ed il quinto.

Serekht

Il serekht era una cornice rettangolare nella quale, durante il periodo arcaico, si trovava un simbolo che indicava il nome del faraone.

Il nome e il martellamento
Il nome non era una semplice assegnazione, infatti, secondo la credenza attraverso la sua conoscenza si poteva magicamente dominare la persona che portava quel nome

La titolatura reale
Le prime testimonianze di nomi di sovrani vengono trovate inserite in una figura che ricorda la facciata di una costruzione, presumibilmente la facciata del palazzo in cui risiedeva il re

Tutankhamon
Imparare la scrittura geroglifica. Come si scrive e si legge il nome del faraone Tutankhamon

Thutmosi III
Imparare la scrittura geroglifica. Come si scrive e si legge il nome del faraone Thutmosi III

Osiride
Imparare la scrittura geroglifica. Come si scrive e si legge il nome del dio Osiride

Iside

Imparare la scrittura geroglifica. Come si scrive e si legge il nome della dea Osiride

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo



ANTICO EGITTO TRA STORIA E MITO I FARAONI

Collabora con noi