TRA STORIA E MITO
ANTICO EGITTO DI ISIDE
THUTMOSI I
Sostieni il nostro lavoro
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
Thutmosi I
Copia di Nina de Garis Davies
di un rilievo raffigurante Thutmose I accompagnato dalla madre Seniseneb,
dalla Cappella di Anubi nel Tempio funerario di Hatshepsut a Deir el-Bahari.
Metropolitan Museum of Art, New York.

Thutmosi I
Coppa donata dal faraone al generale Djehuti
Thutmosi I Cartiglio

Alla morte di Amenofi I, salì al trono Thutmosi I.

Chi era Thutmosi I?
Cosa gli permise di diventare il successore di Amenofi I?
Non lo sappiamo.

In realtà non conosciamo quai nulla di quest’uomo, tranne il nome della madre, una donna chiamata Senseneb della quale non abbiamo né titolo né rango. E nemmeno abbiamo dettagli sulla sua regina, Ahmose, che non era una principessa, al contrario di quello che hanno pensato un buon numero di studiosi negli anni passati.  i suoi unici titoli sono "Moglie del Re" e "Sorella del Re".

Come possiamo dedurre da una notevole mole di prove in nostro possesso, il termine "sorella" aveva un doppio significato. Poteva essere usato sia per indicare una stretta parentela oppure indicare la moglie, quindi in realtà non sappiamo con assoluta certezza se questo titolo significasse che tra i due sposi ci sia stato un legame di sangue o fosse semplicemente una ripetizione del titolo precedente.

Sappiamo con certezza che la coppia ebbe due figlie: Hatshepsut e sua sorella Neferubity.

Inoltre, il re generò due maschi, Wadjmose e Amenmose, probabilmente nati entrambi da una moglie secondaria del re, la regina Mutnofret.. ambedue i figli morirono prematuramente prima del padre.
 
Thutmosi ampliò il tempio di Amon a Karnak, facendo realizzare piloni, cortili e statue. Guidò una campagna in Nubia dove arrivò fino alla Terza Cataratta.  Sconfisse il capo nubiano e ritornò alla sua capitale con il corpo del nemico appeso alla prua della sua ammiraglia.

Le sue più grandi battaglie furono in Asia Minore, dove ampliò notevolmente i confini del regno, raggiungendo le rive del fiume Eufrate, come ricorda una sua stele fatta realizzare per l'occasione.
 
Per quanto non si sappia con esattezza la lunghezza del suo regno, si pensa che morì in età avanzata.


Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo

ANTICO EGITTO TRA STORIA E MITO DINASTIE FARAONI