TRA STORIA E MITO
ANTICO EGITTO
I GATTI MUMMIFICATI
DI FLINDERS PETRIE
Sostieni il nostro lavoro con un piccolo contributo
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
Antico Egitto



POTREBBE INTERESSARTI
Simbologia: il gatto
Nel 1952,  nel Museo di Storia Naturale di Londra, fu ritrovata una cesta piena di oggetti provenienti dall’Egitto.

All’interno vi erano centonovantadue gatti mummificati risalenti al periodo che andava dal IV al II secolo a.C., sette manguste, tre cani ed una volpe.

Ritrovate durante degli scavi a Giza erano state donate al museo nel 1907 da Flinders Petrie ; purtroppo non erano accompagnate da nessuna informazione circa la provenienza esatta.

Fu una scoperta molto importante in quanto faceva luce sul ruolo e sull’ascendenza che il gatto aveva nella società egizia. Nel IV secolo a.C. i gatti erano apprezzati probabilmente perché erano abili cacciatori di roditori che infestavano i magazzini di granaglie.

Entrarono poi a far parte del culto religioso. Bubastis, nel delta del Nilo, era il centro più importante del culto della dea Bastet, rappresentata sia come gatta, sia come donna con la testa di gatta.
Nella seconda metà del XIX secolo, le tombe di Bubastis restituirono centinaia di migliaia di gatti mummificati.

Ricerche zoologiche rivelarono che delle centonovantadue mummie, tre erano più grandi delle altre; erano i resti di gatti della giungla (Felis chans), le altre centoottantanove erano simili al comune gatto selvatico africano o gatto egiziano delle sabbie (Felis libica).

Lo studio delle mummie, ha inoltre cambiato un certo numero di credenze sul ruolo del gatto nella società egizia


I gatti nell'antico Egitto

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo

ANTICO EGITTO TRA STORIA E MITO ANIMALI