LEGGENDE
IL GRAAL

La leggenda del GraalIn alcune leggende il Santo Graal viene descritto come il calice usato da Cristo nell'Ultima Cena, mentre per altre esso rappresenta la coppa in cui Giuseppe d'Arimatea, avrebbe raccolto il sangue di Cristo crocifisso.
In una leggenda sorta in Spagna e in Francia intorno al 1100, il Graal è un oggetto sacro e misterioso che viene custodito in un tempio o castello in Bretagna, e solo i puri possono toccarlo conquistando la felicità terrena e celeste.
Altre versioni risalenti al IV secolo: raccontano che la Maddalena fuggita dalla terra santa portò il Santo Graal con sé a Marsiglia dove sono tuttora venerate le sue presunte reliquie.

Nel secolo XV questa tradizione aveva già assunto chiaramente un'importanza enorme per i personaggi come Renato d'Angiò, che faceva collezione di "coppe Graal".
Nel testo arturiano "Joseph d'Arimathie - Le Roman de l'Estoire dou Graal" del 1202 scritto da Robert de Boron, il Graal viene descritto come il calice dell' Ultima Cena, in cui Giuseppe d'Arimatea aveva raccolto il sangue di Gesù crocifisso. Il Graal viene associato a un libro scritto da Gesù Cristo, che può leggere solo chi è in grazia di Dio e le verità di fede che esso contiene non potranno mai essere pronunciate da lingua mortale senza che i quattro elementi ne vengano sconvolti.
Se ciò, infatti, dovesse accadere, i cieli diluvierebbero, l'aria tremerebbe, la terra sprofonderebbe e l'acqua cambierebbe colore.

Perché il calice fu portato proprio in Inghilterra?
I sostenitori della sua esistenza affermano che durante la sua permanenza in Cornovaglia, Gesù aveva ricevuto in dono una coppa rituale da un Druido convertito al cristianesimo e quell'oggetto gli era particolarmente caro. Dopo la crocifissione, Giuseppe d'Arimatea la riportò al donatore ulteriormente santificata dal sangue di Cristo: il Druido in questione era Merlino.
Giunto a destinazione Giuseppe affidò la coppa a un guardiano soprannominato "Ricco Pescatore" o "Re Pescatore" perché, come Gesù, aveva sfamato un gran numero di persone moltiplicando un solo pesce. Secoli dopo nessuno sa più dove si trovi il "Re Pescatore" e il Graal è, di fatto, perduto. Sulla Britannia si abbattè quindi una maledizione chiamata dai Celti Wasteland , uno stato di carestia e devastazione sia fisica che spirituale.
Per annullare il Wasteland era necessario ritrovare il Graal, simbolo della purezza perduta.
Un Cavaliere della Tavola Rotonda (Parsifal o Galaad "il Cavaliere vergine") occupò allora lo "Scranno periglioso", una sedia tenuta vuota alla Tavola Rotonda, sulla quale poteva sedersi ,pena l'annientamento, solo "il Cavaliere più virtuoso del mondo", colui che era stato predestinato a trovare il Graal.
Ispirato da sogni e presagi, e superando una serie di prove perigliose come il "Cimitero periglioso", il "Ponte periglioso", la "Foresta perigliosa" eccetera, Parsifal rintracciò Corbenic, il Castello del Graal e trova la Sacra Coppa.
Non osò però porre le domande:
"Che cos' è il Graal?
Di chi esso è servitore?"
contravvenendo così al suggerimento evangelico "Bussate e vi sarà aperto" e così il Graal scomparve nuovamente.
Dopo che il Cavaliere trascorse alcuni anni in meditazione, la ricerca riprese e finalmente Parsifal (o Galaad) pone il quesito, a cui viene risposto:
"È il piatto nel quale Gesù Cristo mangiò l'agnello con i suoi discepoli il giorno di Pasqua. (...) E perchè questo piatto fu grato a tutti lo si chiama Santo Graal".
Il Graal a questo punto, siamo intorno al 540, viene riportato da Parsifal a Sarraz, una terra in Medio Oriente impossibile da situare storicamente e geograficamente; non è infatti in Egitto, ma "vi si vede da lontano il Grande Nilo" e il suo Re combattè contro un Tolomeo, mentre la dinastia tolomaica si estinse prima di Cristo.

Per secoli non si parlò più del Graal, finché, verso la fine del XII secolo, tornò improvvisamente alla ribalta a causa delle Crociate.
A partire dal 1095, molti Cavalieri cristiani si erano recati in Terra Santa, tra cui i Templari, ed erano entrati per forza di cose in contatto con le tradizioni mistiche ed esoteriche del luogo e sicuramente qualcuna di esse parlava del Graal, un sacro oggetto dagli straordinari poteri.
Grazie ai Crociati, la leggenda raggiunse l'Europa e vi si diffuse.

C'è anche chi ritiene che il Graal sia stato rintracciato dai Crociati e riportato nel Vecchio Continente. Se questo corrispondesse alla realtà, dove si troverebbe?
I posti maggiormente nominati sono:
Il castello di Gisors, Francia
Cattedrale di San Nicola, Bari, Italia
Chiesa della Gran Madre di Dio, Torino Italia
Castel del Monte, Andria, Italia
Glastonbury, Inghilterrra
Il castello di Montségur, Francia
Takht-I-Sulaiman, Iran nord-occidentale

 

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale

Sostieni il nostro lavoro
Cerca nel sito Iscrizione newsletter


STORIA ANTICO EGITTO DI ISIDE IL VELO DI ISIDE
MITOLOGIA LEGGENDE SIMBOLOGIA
MADRE TERRA MAGIA E OCCULTISMO MISTERI DI TORINO

Leggende

Statistiche gratis