TRA STORIA E MITO
GUERRA DEL VIETNAM
L'INFERNO DI KHE SANH
Sostieni il nostro sito
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
Khe Sanh

Quota 881Sud era una delle alture che sovrastavano la base di Khe Sanh, una collina dalle pendici ripide che s’ innalzava di 500m sopra le valli.

I marines l’avevano conquistata l’anno precedente, dopo una sanguinosa battaglia che aveva lasciato la collina priva di vegetazione, ricoperta di crateri e cosparsa di macerie dei bunker dove erano ancora sepolti i corpi dei soldati nord vietnamiti.

Ogni collina era tenuta da un’unità della consistenza di una compagnia appartenente o aggregata al 26° Reggimento Marines, il cui compito era la difesa Khe Sanh.
Quota 881S era la più lontana e la più difficile da rinforzare.

Il 20 gennaio 1968 c’erano circa 400 marines: la Compagnia I (India) e 2 plotoni, più il comando della compagnia M (Mike) del 3° battaglione.
L’armamento era composto da una sezione di mortai da 81mm, 2 cannoni senza rinculo da 106mm e 3 obici da 105.

All’alba del 20 la compagnia I uscì in ricognizione.
I due plotoni di testa ebbero subito problemi, incalzati ai fianchi dal nemico. Il plotone del tenente Brindley riuscì ad alleggerire la pressione, ma solo temporaneamente. I combattimenti si spostarono sul versante posteriore, bombe al napalm furono lanciate sui nord vietnamiti; caddero talmente vicine che molti marines ebbero le ciglia bruciate.



Riuscita a localizzare le posizioni nemiche, la compagnia India si preparò all’attacco. I due plotoni americani tornarono indietro per ricongiungersi con la compagnia Mike su quota 881S.
I nord vietnamiti però non avevano alcuna intenzione di arrendersi.
Alla due di notte cercarono di travolgere alcune posizioni esterne della base. Ad un tratto la pressione su quota 881S si fece meno pressante, i mortai iniziarono a fornire supporto ai marines di quota 861 impegnati in una furiosa battaglia.

Partirono circa 700 colpi; le canne dei mortai erano talmente calde che i proiettili scoppiavano non appena erano fatti scivolare all’interno e inevitabilmente sbagliavano bersaglio. I marines usarono la propria scorta di acqua; quando la riserva finì usarono una piccola provvista di succhi di frutta; finiti anche quelli si misero in fila e urinarono uno dopo l’altro sulle canne incandescenti. Il supporto di fuoco fu fornito fino all’alba.

I nord vietnamiti decisero di usare un’altra tattica. Tagliare i rifornimenti aerei.
I mortai da 120 mm cominciarono a colpire costantemente le zone d’atterraggio. Un elicottero addetto all’evacuazione sanitaria, che trasportava oltre venti soldati feriti, fu disintegrato. Ai primi di febbraio l’azione dei mortai e del fuoco contraereo era già costata cara alle compagnie India e Mike, le perdite toccavano il 50%.

Finalmente arrivarono i rifornimenti via terra, chiamate in codice Super Gaggle. Con il miglioramento del tempo il supporto aereo aumentò di intensità. A Marzo l’azione si stava affievolendo. Quello che fino a tre mesi prima era un altopiano verdeggiante, ora sembrava un altopiano lunare.

Il primo aprile iniziò la resa dei nord vietnamiti."La bandiera è lacera, le teste sanguinano, ma i "colori" sventolano ancora su quota 881S".
Questo il riconoscimento del Times-Herald al coraggio dimostrato dai marines americani venuti fuori dai 77 giorni d’inferno di Khe Sah.

L'incidente del Golfo del Tonchino
Il 6 agosto 1964 il Congresso degli Stati Uniti approvò la "Risoluzione del Golfo del Tonchino", con la quale si autorizzava il presidente Lyndon Johnson a prendere tutte le misure necessarie per respingere gli attacchi contro le forze americane.
Napalm e Agente Arancio
I primi voli avevano a bordo piloti sud vietnamiti, e i Ranch Hand era considerati semplici “consiglieri” del programma Farm Gate, ma il comando da parte vietnamita era solo sulla carta e presto furono messi da parte.
Sentiero di Ho Chi Min
Fu un’impresa enorme, ma alla fine il Sentiero di Ho Chi Minh fu trasformato in una rete funzionale di collegamento tra Nord e Sud
Chiamata alle armi
Impopolare, ingiusto e viziata da pregiudizi razziali. Questo fu il sistema d'arruolamento che mandò a combattere 2 milioni di americani.
Vietcong: la tattica
Anche se ben armati, i soldati americani erano letteralmente travolti dai viet cong che attaccavano in massa, si impossessavano delle armi e sparivano nuovamente nella boscaglia
Offensiva del Tet
Gli Stati Uniti erano in Vietnam, da circa tre anni. Perchè furono sorpresi dall'Offensiva del Tet?
L'inferno di Khe Sahn
Quota 881Sud era una delle alture che sovrastavano la base di Khe Sanh, una collina dalle pendici ripide che s’ innalzava di 500m sopra le valli


Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo
GUERRE E BATTAGLIE TRA STORIA E MITO GUERRA DEL VIETNAM

Collabora con noi