IsideANTICO EGITTO DI ISIDEIside

LIRICHE D'AMORE
DAL PAPIRO  CHESTER BEATTY I

STANZA PRIMA (uomo)
L'unica, l'amata, la senza pari,
la più bella di tutte,
guardala,
è come la stella fulgente
all'inizio di una bella annata.
Lei, che splende di perfezione,                 
che raggia di pelle,
con gli occhi belli quando guardano,
con le labbra dolci quando parlano,
per la quale non c'è discorso superfluo;
lei, che lungo ha il collo,
il petto luminoso,
con una chioma di vero lapislazzuli,
le cui braccia superano lo splendore dell'oro,
le cui dita sono come calici di loto;
lei, che ha languide le reni,
strette le anche,
le cui gambe difendono la bellezza,
il cui passo è pieno di nobiltà
quando posa i piedi sul suolo,
con il suo abbraccio mi prende il cuore.
Essa fa che il collo di tutti gli uomini
si giri per guardarla.
Ognuno ch'essa abbraccia è felice,
si sente il primo degli uomini.
Quando esce dalla sua casa,
si pensa di vedere Colei che è unica.
(colei che è unica è epiteto di Hathor, ndt)

STANZA SECONDA (donna)
Con la sua voce
il mio amato turba il mio cuore,
e fa che di me s'impadronisca la malattia.
Abita vicino alla casa di mia madre,
e tuttavia non so come andare verso di lui.               
Potrebbe, per mia fortuna,
essere buona mia madre?
Oh, andrò a trovarla.
Ecco, il mio cuore si rifiuta
di pensare a lui,
anche quando mi prende l'amore di lui.
Ecco, è un insensato (il cuore, ndt)
ma io sono come lui.
Non conosce il mio desiderio d'abbracciarlo,
non sa che mi ha fatto andare da mia madre.
O amato,
forse ti sono destinata dalla Dorata dea delle donne!
(sempre Hathor, ndt)
Vieni a me,
che veda la tua bellezza,
che siano felici padre e madre,
che tutti gli uomini insieme ti facciano festa e ti festeggino,
o amato!

STANZA TERZA (donna)
Spera il mio cuore
di contemplare la sua bellezza,
quando starò seduta nella sua casa.
Là, incontrerò Mehi
(è il nome dell'innamorato, ma anche quello di una divinità che protegge gli amanti, ndt)
che passa a cavallo sulla strada,
coi suoi amici.
Non so come condurmi davanti a lui:
passerò tranquillamente davanti a lui?
Ecco, la strada è come un fiume,
ignoro la sede dei miei piedi.
Sei molto ignorante, o cuor mio!
Perché vuoi camminare tranquillamente vicino a Mehi?

Ecco, se passo davanti a lui,
gli rivelo i miei sentimenti:
"Ecco, sono tua".
Ma lui si vanterebbe del mio nome,
e mi darebbe alla casa del primo di quelli che sono al suo seguito.

STANZA QUARTA (donna)
Galoppa il mio cuore,
quando penso al mio amore.
Non mi premette di camminare come una persona umana,
e trasalisce.
Ecco, non mi lascia prendere i vestiti,
trascuro i miei ventagli.
Non metto più cosmetico sui miei occhi
non mi profumo più d'odori soavi.
"Non fermarti,
raggiungi lo scopo!", mi dice il mio cuore
ogni volta che penso a lui.
O cuor mio, non mi dar pena!
Perché ti comporti come un folle?
Attendi con calma:
l'amato viene verso di te,
ma anche gli occhi della folla.
Non far che la gente dica di me:
"Questa donna è caduta innamorata".
Resta calmo ogni volta che pensi a lui,
o cuor mio, e non galoppare.

STANZA QUINTA (uomo)
Adoro la Dorata,
lodo la sua maestà,
esalto la Signora del Cielo,
canto le lodi di Hathor,
inneggio alla dea sovrana.
Mi rivolgo a lei,
lei ascolta le mie preghiere

e mi invia la mia signora.
E' venuta per vedermi:
mi è avvenuto qualcosa d grande.
Fui allegro,
fui in gioia,
mi sentii grande,
quando mi si disse: "Viene, eccola".
Ecco, mentre lei avanzava,
s'inchinavano i giovani,
per la grandezza d'amore per lei.
Ho fatto un voto alla mia dea (Hathor, ndt).
Ella mi ha dato la mia amata,
dopo tre giorni che ho pregato in suo nome.
Era (l'amata, ndt) lontana da me da quasi cinque giorni.

STANZA SESTA (donna)
Quando passai vicino a casa sua,
trovai il portone spalancato:
il mio amato stava accanto a sua madre,
tutti i suoi fratelli e sorelle erano con lui.
Il cuore di tutti quelli che si fermavano sulla strada
s'infiammava d'amore per lui,
il giovane perfetto e senza eguali,
l'amato, dalle scelte qualità.
Mentre passavo, mi guardò:
fui felice,
col cuore contento, con grande gioia.
Ero sola per rallegrarmi,
o mio amato,
perché ti avevo visto.
Ah, se sua madre conoscesse il mio cuore! (i miei sentimenti, ndt)
se questo le venisse subito in mente!
O Dorata,
metti ciò nel suo cuore;
allora mi affretterò verso il mio amato,
lo bacerò davanti ai suoi,
non avrò vergogna della gente,
ma mi rallegrerò della loro considerazione,
perché tu mi riconoscerai.
Farò una festa alla mia dea
-batte il mio cuore fino ad uscire- (dal petto, ndt)
perché faccia ch'io veda il mio amato,
questa notte:
è così bella, quando arriva!

STANZA SETTIMA (uomo)
Sono sette giorni
che non ho visto l'amata.
E' entrata in me la malattia,
sono diventato con le membra pesanti,
ho dimenticato lo stesso mio corpo.
Se i medici vengono da me,
non mi soddisferanno i loro rimedi.
I maghi non trovano espedienti,
non si scopre la mia malattia.
Il dire: "Eccola!" mi rende la vita.
Il suo nome mi risolleva,
l'andirivieni dei suoi messaggeri
fa vivere il mio cuore.
L'amata è per me meglio delle medicine,
è per me meglio di un formulario magico.
La sua venuta è il mio amuleto:
quando la vedo, ritorno in salute.
Quando apre gli occhi,
diventa giovane il mio cuore,
quando parla,
divento forte.
Quando l'abbraccio,
allontana da me la malattia.
Ed è lontana da me da sette giorni.

Scritti raccolti da Danny Fan

Sostieni Antico Egitto di Iside
Cerca nel sito Iscrizione newsletter

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale



Antico Egitto di Iside - Testi Religiosi e Libri Sacri