TRA STORIA E MITO
SIMBOLOGIA
MANDALA
Sostieni il nostro lavoro
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
Simbologia: Mandala



In sanscrito mandala significa cerchio e designa un aiuto per la meditazione e la concentrazione. Costruito partendo da cerchi e forme derivate è presente nell’ambito indo-buddhistico e nel Tibet lamaistico.

I mandala sono per lo più disegnati o dipinti, ma anche forgiati architettonicamente e vengono evidenziati nelle piante dei templi. Sono modelli spirituali dell’ordinamento del mondo (cosmogrammi) combinati in maniere diverse con i quattro elementi dell’orientamento.

Come nel caso dei bersagli contengono un centro, e la “limitazione del campo visivo psichico” viene perseguita in vista della contemplazione e della concentrazione, per dirigere l’attenzione verso contenuti spirituali e conoscenze di natura intuitiva, in modo da poterli radicare nella psiche.

Al centro vi sono simboli diversi a seconda del metodo e del grado di iniziazione.
Nel sistema tantrico dell’Induismo, è il cuneo di tuono adamantino, in quanto immagine simbolica dell’unificazione definitiva del principio originario maschile con quello femminile in un sistema dualistico (Shiva-Shakti nello yoga-kundalini).

Jung concepisce la simbolica dei mandala come formata da archetipi che possono spontaneamente comparire anche su soggetti non istruiti dal punto di vista storico-culturale nel corso di un processo di maturazione dell’anima, nelle visioni o nella libera figurazione pittorica.

Si tratta di simboli dell’immersione dell’introversione in fasi caotiche, che portano a espressione di un’idea del nucleo essenziale dell’anima e della sua intima conciliazione e totalità

Come sussidi per la meditazione in senso proprio, le immagini dei mandala vengono designate con l’espressione indù yantra.




Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo

SIMBOLOGIA TRA STORIA E MITO SIMBOLOGIA 1

Collabora con noi