TRA STORIA E MITO
SIMBOLOGIA
OCCHIO
Sostieni il nostro lavoro
Secondo un’antica concezione, l’occhio, oltre ad essere in relazione con la luce
 e ad inviare raggi di forza, era il simbolo della capacità dell’espressione spirituale
Menu

Ultimi articoli

Cerca nel sito

Canale You Tube 

Collabora con noi
Le creature malvagie o dotate di poteri magici possedevano occhi il cui sguardo pietrificava o annullava le difese.

Nella mitologia greca troviamo Medusa, uccisa da Perseo con l’aiuto di uno specchio, nell’antica saga irlandese Balor, re dei Fomori, possedeva un occhio cattivo capace di agire sul campo di battaglia quando quattro uomini sollevavano la sua palpebra.
Fu da queste leggende che nacque il presunto influsso del malocchio.

La valenza positiva dell’occhio era diffusa il molte culture e il sole veniva considerato un occhio onnivedente.
Nell’iconografia cristiana l’occhio circondato dai raggi del sole è un simbolo della divina onnipresenza o della Trinità, anche i supremi cori degli angeli hanno occhi sulle ali per evidenziare la loro saggezza.
Spesso le malattie degli occhi erano curate con pratiche religiose o con l’aspersione degli occhi in sorgenti sacre, la cecità veniva attribuita alla Fortuna, poiché essa distribuiva i suoi doni indiscriminatamente.

Per Ildegarda di Bingen l’occhio è un organo con molti significati simbolici:
”Gli occhi, che vedono tante cose, indicano le stelle del firmamento che illuminano tutto. Il loro bianco simboleggia la purezza dell’etere, la loro chiarezza il suo splendore, la pupilla la stella nello spazio. La loro linfa è la stessa con cui l’etere viene impregnato dalle acque superiori per non essere danneggiato dallo strato di fuoco sovrastante. Luminosa e chiara appare anche la conoscenza, come il bianco degli occhi nell’uomo, la conoscenza sfavilla in lui come la loro forza irradiante, la ragione splende nella sua persona come le pupille degli occhi”.

Nella massoneria l’occhio onnivedente, inserito nel triangolo e incoronato dai raggi, corrisponde al simbolo della Trinità; in molte Logge è posizionato sopra il seggio del Maestro e ha lo scopo di ricordare la saggezza del Creatore che compenetra tutti i segreti.

Sognare gli occhi simboleggia l’azione di comprensione dell’esistenza; sognare malattie agli occhi significa una visione psichica limitata dai complessi, e quindi l’incapacità di vedere davvero la vita.
Nell’immagine onirica l’occhio, come la bocca, è un simbolo dell’organo genitale femminile.

L’immagine simbolica di un terzo occhio nell’arte indiana lamaista è talvolta interpretata come segno della forza visiva soprannaturale e dell’illuminazione, anche se l’origine di tale interpretazione rimane ancora oggi molto discussa.

POTREBBE INTERESSARTI
Antico Egitto di Iside Occhio di Horus
Antico Egitto di Iside Oftalmologia nell'antico Egitto

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo
SIMBOLOGIA TRA STORIA E MITO SIMBOLOGIA 1