TRA STORIA E MITO
BIOGRAFIE
CLARETTA PETACCI
Sostieni il nostro sito
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube

Claretta Petaccci

 

28 aprile 1945.
Non avrebbe mai pensato che sarebbe finita così.

Le braccia penzoloni, le caviglie strette da corde, appesa al tetto di un chiosco di benzina, il volto tumefatto e gli occhi vitrei che ormai nulla più vedevano, esposta all’odio e al pubblico ludibrio della folla.

Non pensava che la prima notte passata con il suo uomo, sarebbe stata anche l’ultima, dopo non ci sarebbe stata una passeggiata, ma soltanto urla impotenti nel tentativo di salvare il suo compagno e una sventagliata di mitra a mettere fine alla sua vita.

Tutto questo non si immaginava Claretta Petacci quando si innamorò di Benito Mussolini.

Claretta nacque a Roma il 28 Febbraio 1945, appassionata di pittura e con velleità cinematografiche, pare fosse innamorata del Duce fin da giovanissima. Il 24 aprile 1932 la speranza di Claretta fu esaudita; l’incontro avvenne alla rotonda di Ostia, Claretta aveva vent’anni nel pieno della sua giovinezza e della sua bellezza, il Duce ne aveva cinquantuno ed era al massimo consenso popolare.

Claretta sposerà ugualmente il suo fidanzato il tenente dell’aeronautica Riccardo Federici da cui si separerà nel 1936. Poco dopo diventò l’amante del Duce. lo aspetta ogni giorno pazientemente nella stanza dei loro incontri e anche se gelosissima sopportava tutte le umiliazioni che Mussolini le infliggeva.

Claretta non gli chiese mai di lasciare la moglie, accettava quello che Mussolini poteva darle, fino alla fine, fino a fargli da scudo con il corpo nel vano tentativo di salvarlo.


Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo

TRA STORIA E MITO BIOGRAFIE ITALIA

Collabora con noi