TRA STORIA E MITO

ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO MADRE TERRA MAGIA - OCCULTISMO

Tra Storia e MitoLA COMPARSA DELL'ESSERE UMANO

Dagli ominidi all’Homo sapiens sapiens


GLI OMINIDI
I Primati furono i primi, tra i tanti mammiferi presenti sulla terra, che si adattarono meglio alle mutate condizioni climatiche. Da un gruppo di scimmie particolarmente evolute, ebbe origine un ceppo che per l’affinità con l’essere umano furono chiamati ominidi.

A causa della scarsa, e per certe fasi vera e propria mancanza di resti fossili, è molto difficile ricostruire le tappe di quella evoluzione. Si presume comunque che fra i 7 e i 5 milioni di anni fa, ci sia stata la separazione fra la linea evolutiva delle scimmie e quella dell’essere umano.

L’AUSTRALOPITECO, L’HOMO HABILIS E L’HOMO ERECTUS.
Gli Australopitechi, scimmie antropomorfe (con forme simili a quelle umane), apparvero circa 4 milioni di anni fa e furono dette australi, perché i primi resti furono rivenuti nell’Africa meridionale.

Questi ominidi, alti poco più di un metro e dall’aspetto animalesco, erano già in grado di stare in equilibrio sulle gambe.

Non erano ancora in grado di costruire strumenti, tuttavia utilizzavano ciò che la natura offriva: pietre affilate e rami, probabilmente anche se in forma rudimentale, erano già capaci di esprimersi verbalmente.

Dagli Australopitechi derivò un nuovo ominide, l’Homo habilis, cioè “capace di usare le mani”, capace di costruire utensili di osso e di pietra. Viveva di caccia e raccolta in zona limitata dell’Africa (Tanzania).

L’Homo erectus fece la sua apparizione circa un milione e mezzo di anni fa e fu il primo ominide che aveva definitivamente imparato a camminare eretto sugli arti inferiori. Sapeva realizzare asce e punte da applicare alle lance, conosceva il fuoco che probabilmente utilizzava per cuocere il cibo.

L’UOMO DI NEANDERTHAL
Nel 1856 nei dintorni del villaggio di Neanderthal, in Germania, furono scoperti resti di un essere umano totalmente evoluto che sapeva anche ricavare indumenti dalle pellicce degli animali uccisi e seppelliva i morti in caverne adornate da suppellettili.

L’Homo sapiens neanderthalensis, comparve circa 10.000 anni fa e si estinse all’incirca 30.000 anni fa.

Homo Sapiens
L’HOMO SAPIENS SAPIENS
Comparve circa 40.000 anni fa, anche se gli esemplari più antichi furono portati alla luce in Africa e in Medio Oriente, prese il nome di Cro-Magnon dalla località francese dove furono scoperti i loro resti.

Aveva perso i tratti animaleschi, seppelliva i morti con un corredo funerario, e decorava le caverne con rappresentazioni di animali.

Secondo recenti scoperte l’homo sapiens sapiens sarebbe appartenuto ad una specie diversa da quella di Neanderthal, con il quale si sarebbe conteso per 10.000 anni il possesso del territorio, giungendo a rimpiazzarlo circa 30.000 anni fa.

Se confermata questa ipotesi, di fondamentale importanza per la nostra storia, si dovrebbe dedurre che noi discendiamo da una specie separata e diversa da quella dei “Neanderthal”

 




CERCA NEL SITO
SOSTIENI IL NOSTRO LAVORO CON UNA PICCOLA DONAZIONE
CATEGORIE
Biografie
Battaglie e Guerre
Dinastie
Documenti storici
Leggende
Luoghi storici
Mitologia
Popoli
Periodi storici
Simbologia
Storie dal mondo
Storia delle religioni
Storia degli stati
Velo di Iside
 
BIOGRAFIE PARTE PRIMA BIOGRAFIE PARTE SECONDA
Disclaimer Privacy Police Collabora con noi