TRA STORIA E MITO
SIMBOLOGIA
LO SCORPIONE
Sostieni il nostro lavoro
Menu Ultimi articoli Cerca nel sito Canale You Tube
Simbologia: lo scorpione

Lo scorpione, pericoloso per il suo pungiglione, sin dai tempi più lontani ha simboleggiato la minaccia di morte, ma anche l’amore per la verità.
Uno dei faraoni predinastici dell’antico Egitto, prima dell’unificazione nazionale operata dal re Menes, aveva il nome di Scorpione, e la sua variante femminile, Selkis, era la sovrana protettrice degli stregoni guaritori.
Le antiche formule di scongiuro pronunciate contro i “rettili armati di pungiglione” si fondano sulla speranza che la magia divina possa risultare più forte di qualsiasi veleno.

Nei miti isiaci si narra che la dea, fuggendo da Seth l’assassino di Osiride, si fece accompagnare da sette scorpioni.

Nella mitologia greca Artemide, dea della caccia, aveva fatto in modo che uno scorpione pungesse mortalmente il possente cacciatore Orione, così che entrambi furono trasformati in costellazioni.
Da allora, quando a Oriente appare lo Scorpione, Orione fugge verso Occidente e scompare all’orizzonte.

Nella Bibbia lo scorpione è paragonato al serpente, un simbolo delle potenze demoniache, e a questa sua funzione fa riferimento l’Apocalisse di Giovanni quando lo include tra gli animali dell’inferno.

I Maya dello Yucatan raffiguravano il dio guerriero Ek-Chuah con l’aculeo di uno scorpione.

Il simbolismo astrologico associa allo scorpione una marcata sessualità virile, la forza distruttiva, l’idea dell’occulto, del mistico e dell’illuminazione; come nell’antico Egitto, al simbolo del veleno fanno da contrappeso l’idea della guarigione e della resurrezione.

POTREBBE INTERESSARTI:

  la dea scorpione

Simbolismo astrologico: lo scorpione

TRA STORIA E MITO SIMBOLOGIA