PONTE CARLO EMANUELE I

VI RACCONTO TORINO

Un ponte per il duca dell’occulto

Ponte Carlo Emanuele I

Conosciuto anche come Ponte del Colombaro fu costruito nel 1902 dall’ingegnere Giovanni Antonio Porcheddu. Fu il primo ponte in cemento armato della città.

Sebbene Torino abbia celebrato i sovrani sabaudi intitolando loro numerose vie e piazze, a Carlo Emanuele I toccò soltanto essere ricordato con questo ponte.

Carlo, stravagante nei gesti e nei gusti, con un carattere portato a frequenti scoppi collerici regnò dal 1580 al 1630 ed ebbe dieci figli dalla moglie Caterina, figlia di Filippo II re di Spagna.

Versatile, dotato di una cultura superiore e di una curiosità innata, amava discorrere con i propri ospiti dei più svariati argomenti, dalla storia, alla poesia, all’astronomia ponendo loro domande che ai più lasciavano interdetti.

Ponte Carlo Emanuele I
Carlo Emanuele I

Per Carlo Emanuele la natura poi celava segreti occulti che a pochi era consentito conoscere. 

In quel periodo storico l’alchimia, l’astrologia e la magia erano di moda tra i nobili e anche il duca ne era affascinato,

Credeva fortemente in un “segreto cosmico quasi impenetrabile legato all’astrologia che gli confermava l’influsso degli astri sulla vita.

E non furono poche le decisioni che Carlo Emanuele I prese dettate da qualcosa di indefinito che soltanto lui sapeva riconoscere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *