SORELLE FOX

STORIA DELLO SPIRITISMO

La storia delle sorelle Fox iniziò nel 1848, in una casa che si pensava fosse stregata.

Sorelle Fox
Le sorelle Fox

Maggie e Kate erano le ultime nate dei sette figli di John Fox e di Margaret Smith. Quest’ultima, dalla morte del suo primogenito, aveva sempre creduto nell’esistenza dei fantasmi e di un modo per comunicare con loro. Maggie e Kate vivevano con i genitori a Hydesville, mentre a Rochester era rimasta Leah un’altra sorella.

Da molto tempo si vociferava che la casa dei Fox fosse infestata dagli spiriti. Molte volte Margaret aveva tenuto delle sedute spiritiche, ma nessuno aveva mai assistito a fenomeni paranormali.

Tutto cambiò durante la fine di marzo del 1848.

Improvvisamente le due sorelle e i loro genitori iniziarono a udire dei rumori all’interno della casa. Dal fracasso dei mobili che venivano spostati al bussare contro porte e pareti.
Nella notte del 31 marzo, Maggie e Kate provarono a mettersi in contatto con l’entità che si aggirava per la casa. Kate quando sentì l’ennesimo colpo alla parete chiese allo spirito di produrre tanti colpi quanto erano gli anni delle due ragazze e l’entità rispose.

Casa delle sorelle Fox
La casa delle sorelle Fox


La notizia si sparse rapidamente e sempre più persone si affollarono nella casa per assistere alle manifestazioni dell’entità, che si presentava solo in presenza delle due sorelle. L’entità rivelò di essere il fantasma di Charles Rosna, ucciso cinque anni prima in quella casa e il cui corpo era nascosto nello scantinato dell’abitazione. Dalle indagini, però, risultò che nessun Charles Rosna fosse stato ucciso, né si riuscì a rintracciare dei possibili testimoni che lo conoscessero. Tuttavia, poco tempo dopo, nella cantina fu ritrovata una scatola contenente delle ossa.

Temendo per Maggie e Kate i genitori decisero di allontanarle temporaneamente dalla casa. Kate si stabilì presso un fratello, mentre Maggie fu mandata dalla sorella Leah. Nonostante le sorelle fossero separate, l’entità non smise di manifestarsi. Era sempre più evidente che Maggie e Kate possedessero poteri medianici.

Leah Fox decise di portare le sorelle dai coniugi Post, ferventi sostenitori dello Spiritismo, i quali credettero immediatamente alla storia delle ragazze.

Decisero quindi di tenere una seduta spiritica nella propria casa. Inaspettatamente non furono le due sorelle a mettersi in contatto con l’entità, ma Leah che caduta in trance disse poi di essere entrata in comunicazione con la defunta figlia dei Post. La notizia si diffuse così rapidamente da attirare l’attenzione di molte persone che divennero i primi seguaci delle sorelle Fox e dello Spiritismo.

La loro fama si diffuse così rapidamente che le sorelle furono invitate a New York per fornire una dimostrazione pubblica dei loro poteri medianici. Il 14 novembre 1849 Maggie e Kate si esibirono di fronte a più di un centinaio di persone. Fu la loro prima seduta spiritica per un pubblico pagante.

A questo punto Leah decise di accogliere le sorelle in casa propria e di gestire il tutto di persona.

Ben presto le sorelle Fox iniziarono a ricevere un’infinità di richieste. Maggie e Kate si affidarono totalmente alla sorella Leah e iniziarono a tenere sedute spiritiche private. Consigliate dalla sorella iniziarono a selezionare la propria clientela, ricevendo solo appartenenti a un ceto sociale elevato e a personalità importanti. Visto l’incremento degli affari, Leah decise di affittare una suite all’ Hotel Barnum, che diventò il luogo abituale dove Maggie e Kate tenevano le loro sedute.

Kate e Maggie Fox
Kate e Maggie Fox

In pochi anni il movimento Spiritista era cresciuto così tanto che le due sorelle furono invitate a tenere sedute spiritiche pubbliche al di fuori dello Stato di New York. Mentre Leah decise di restare a New York, Maggie e Kate si separarono viaggiando per vari stati. Nel 1885, durante un viaggio a Philadelphia, Maggie incontrò Elisha Kane, un esploratore americano che aveva partecipato alle prime spedizioni artiche.

Kane era profondamente scettico sullo Spiritismo e tale rimase anche dopo aver partecipato ad una seduta presieduta da Maggie, anzi iniziò a sospettare che le sorelle fossero vittime di Leah. Cercò di sottrarre Maggie a quella che riteneva l’influenza negativa della sorella maggiore. Tra di loro nacque un forte sentimento che li portò a sposarsi in segreto. Maggie abbandonò lo Spiritismo e si convertì al cattolicesimo. Un anno dopo le nozze, Kane morì. Il dolore per la perdita del marito portò Maggie ad un crollo nervoso che alla fine la condusse a rifugiarsi nell’alcool. Kate, che aveva continuato la sua attività di medium, nel 1871 si traferì in Inghilterra, dove sposò un avvocato fervente sostenitore dello Spiritismo.
Anche Kate pian piano scivolò nella trappola dell’alcool, dopo la morte dei genitori e di quella del marito.

Nemmeno il ricongiungimento con le sorelle servì a migliorare la situazione.

Maggie e Kate si trovarono completamente sole, disprezzate anche dagli altri spiritisti. Ciò a causa di un’intervista di Kate in cui dichiarava di credere solo ad alcune manifestazioni spiritiche di quelle a cui aveva assistito. Leah si rifiutò di aiutare economicamente Maggie e Kate definendole delle inutili alcolizzate. Il 21 ottobre 1888 presso l’Accademia musicale di New York, Maggie rilasciò una dichiarazione pubblica ammettendo che tutto era stato un inganno sin dall’inizio dei primi eventi.

Raccontò di come con la sorella avessero iniziato tutto per gioco, con l’intento di spaventare la madre, da sempre paurosa e superstiziosa. Ammise di aver inventato la storia dell’omicidio e del fantasma di Rosna, e che i resti ritrovati in cantina erano in realtà ossa di pollo. Spiegò che lo scherzo sarebbe dovuto terminare il giorno successivo al 31 marzo 1848. Quando la madre chiamò i vicini e gli amici affinché assistessero alle manifestazioni paranormali, le due bimbe spaventate da eventuali conseguenze proseguirono nel loro inganno.

Quando misero al corrente Leah, la sorella decise di approfittarne e sfruttare le due sorelle arricchendosi tramite i loro guadagni. Numerosi clienti, in seguito a una seduta spiritica, ebbero dei crolli nervosi, alcuni arrivarono al punto di suicidarsi. Questo aveva accresciuto il senso di colpa delle due sorelle e la volontà di confessare l’inganno, ma la paura di ciò che avrebbe potuto fare Leah le aveva sempre fermate.
La comunità spiritista accusò Maggie di essere una bugiarda alcolizzata, e che il suo intento era quello di vendicarsi della sorella maggiore. Infatti Leah continuò a tenere sedute spiritiche per altri due anni, finché non morì per una cardite reumatica.

Nel 1892, dopo anni di solitudine e povertà, Kate si addormentò dopo aver bevuto e non si risvegliò più. Una delle sue ultime dichiarazioni fu:

Considero lo Spiritismo come una delle più grandi maledizioni che il mondo abbia mai conosciuto.

Maggie che viveva di elemosina in completa solitudine trovò ospitalità nella casa di Emily Ruggles, dove morì per arresto cardiaco, pochi mesi dopo la sorella Kate.

POTREBBE INTERESSARTI
La scienza degli spiriti a Torino
Eléna Petróvna von Hahn
Precognizione
La tavola ouija
I Medium
Sorelle Fox