LE SUPERSTIZIONI

MAGIA

Superstizioni

La superstizione nasce da osservazioni affrettate e deformate ed è presente in tutti noi. Molte volte non c’è ne accorgiamo, ma si manifesta negli atti più insignificanti che ripetiamo ogni giorno.

Proviamo ad analizzare le più conosciute.

Il posto più sicuro in aereo è quello in coda?

Nelle fotografie di incidenti aerei solitamente viene mostrato un apparecchio distrutto con la coda che rimane intatta …di fuori ovviamente, l’interno distrutto non ci viene mai mostrato. Se a questa immagine ripetuta aggiungiamo i casi di persone che si sono salvate per aver scelto proprio quel posto abbiamo l’esatta spiegazione di come può nascere una superstizione.

Lo specchio rotto.

Un tempo si credeva che l’immagine riflessa dallo specchio fosse parte dell’anima e la sua rottura poteva arrecare gravi conseguenze al suo proprietario.

Lo sbadiglio e il diavolo.

Nel Medioevo il diavolo era presente ovunque, persino nell’ aria. Da questa credenza nasce il coprirsi la bocca quando sbadigliamo, così che il maligno non possa possedere il corpo attraverso il profondo respiro della bocca spalancata.

Il sale rovesciato

Anticamente il sale era preziosissimo. Se si facevano cadere dei granelli sul tavolo significava che la sfortuna era prossima e ci sarebbe stata una perdita di soldi. Bisognava raccogliere subito ciò che era caduto e tirare tre manciate dietro la spalla sinistra.

Il gatto nero che attraversa la strada

L’idea che un gatto nero che attraversa la strada sia segno di sfortuna nasce nel Medioevo. Di notte i cavalli venivano spaventati dagli occhi gialli dei felini e da lì nacque la leggenda che fossero al servizio del demonio.

Passare sotto a una scala aperta

Una scala aperta appoggiata a una parete forma un triangolo, simbolo della Trinità. Passarci sotto significa non portare rispetto, avvicinandosi così al demonio. Un rimedio potrebbe essere incrociare le dita e le braccia mentre la si attraversa.

Aprire un ombrello in casa

Nella Roma antica gli ombrelli venivano usati per ripararsi non solo dalla pioggia, ma anche dal sole. Aprire un ombrello in casa era segno di mancato rispetto verso il dio Sole, ciò portava sventura sulla propria famiglia. Nell’epoca moderna, gli ombrelli spesso erano usati per chiudere i buchi nelle case povere. Di conseguenza aprirli significherebbe andare incontro a sfortune finanziarie.

La credulità è una specie di religione universale. Intorno ad essa vi sono molti che hanno fatto fortuna.

La vendita di amuleti magici, creduti capaci di preservare oppure attrarre, o persino di curare ha un mercato più vasto di quanto si possa credere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *