Lavoro nell'antico Egitto
LE MATERIE PRIME

Gli egizi impararono molto presto a estrarre materie prime dal sottosuolo spingendosi, a questo scopo, anche a grandi distanze dalla Valle del Nilo.

Fra le località più anticamente sfruttate c’erano le miniere di Wadi Maghara, nel Sinai, già attive sotto il faraone Djoser (III Dinastia).

Per raggiungerle era necessario attraversare il Deserto Orientale e seguire la costa del Mar Rosso.

Vi si estraevano il rame e la malachite e la regione era sacra alla dea Hathor, detta infatti “Signora della malachite”.

Nella parte più meridionale del territorio egiziano si trovavano invece le cave di diorite (una roccia scura simile al granito)sfruttate fin dall’epoca di Cheope, il costruttore della Grande Piramide.

Il trasporto di questo materiale avveniva lungo il corso del Nilo, almeno fino alla prima cateratta, ed altre, grazie ai canali fatti scavare dai faraoni a partire dalla IV dinastia.

Cave di alabastro si trovavano a El-Amarna, il basalto veniva dal Fayum, il granito da Assuan, il calcare da Tura, la quarzite dalla zona di Eliopoli.

L’oro,invece,era estratto dalle miniere del Deserto Orientale (Wadi Hammamat) e dalla Nubia.
GLI ARNESI DA LAVORO

Gli strumenti da lavoro degli egizi sono giunti raramente fino a noi. Possiamo tuttavia ricostruirli attraverso le arti figurative.

Alcuni rilievi mostrano infatti falegnami, scultori, fabbri e scalpellini intenti al lavoro circondati dai loro utensili che erano estremamente semplici.

Tra gli strumenti dello scalpellino e dello scultore vi erano accette,scalpelli di bronzo,mazzuoli di legno.

Squadre e filo a piombo consentivano di definire la forma con precisione, per dare lucentezza alla alla superficie, si passava sulla pietra un lisciatoio, argani e corregge consentivano poi di sollevare i blocchi e le statue, con l’aiuto di piani inclinati.

I falegnami non usavano chiodi ma piccoli pioli in legno ed i pezzi si incastravano così precisamente gli uni negli altri che la colla raramente era necessaria.

Il blocco di legno veniva sbozzato con un’accetta di bronzo o tagliato con una sega, quindi rifinito con una pialla; le sagomature più elaborate venivano,invece, eseguite con il trapano ad archetto.

L’oggetto finito era quindi levigato con polvere abrasiva e infine stuccato.

Nelle pitture parietali è possibile vedere i fonditori seduti intorno alla loro fucina, mentre soffiano con dei tubi sui carboni per ottenere il grado di calore necessario alla fusione del metallo

I mantici infatti vennero introdotti solo nel Nuovo Regno.

LA LAVORAZIONE DEL VETRO
Lavoro antico Egitto
Lavorazione del vetro
La lavorazione del vetro è attestata in Egitto sin dal IV millenio a.C.

Gli egizi scoprirono che, mescolando sabbia ricca di notevoli quantità di quarzo, acido silicico puro in forma cristallina con il sodio (che ricavavano dalle ceneri delle alghe), gli alcali calcarei e scaldando il tutto alla temperatura di ottocento gradi, era possibile ottenere una pasta di vetro (faiace).

Questa pasta viscosa e di rapido indurimento si potevano trasformare in perline, in bottigliette o anche in recipienti elegantemente modellati.

Il vetro fuso poteva essere anche colato in uno stampo a parallelepipedo e, una volta raffreddato, poteva essere molato come un blocco di pietra oppure modellato nella forma desiderata con il sistema della cera persa.

Nella seconda metà del II millennio era già usata la tecnica del mosaico, mentre in epoca tarda divennero famosi i cosiddetti “vetri millefiori”.

Questi erano ottenuti da barrette o canne di vetro di diverso colore disposte a forma di fiore assottigliate e tagliate a tessera, una volta riscaldate in uno stampo per farle saldare tra loro,venivano levigate a freddo.

PROSSIMO ARTICOLO
Lo sciopero

22 pensiero su “LAVORO NELL’ANTICO EGITTO”
  1. It is in reality a great and useful piece of information. I
    am satisfied that you just shared this helpful info with
    us. Please stay us up to date like this. Thank you for sharing.

  2. My family members always say that I am killing my time here
    at net, however I know I am getting experience
    everyday by reading thes nice content.

  3. Hello There. I found your blog the usage of msn. This is an extremely well written article.
    I will be sure to bookmark it and return to read more of your useful info.
    Thank you for the post. I’ll definitely return.

  4. Howdy! I could have sworn I’ve been to this blog before but after browsing through some of the articles I realized
    it’s new to me. Regardless, I’m definitely delighted I came across it and I’ll be
    book-marking it and checking back regularly!

  5. whoah this weblog is magnificent i love studying your posts.
    Keep up the good work! You understand, a lot of individuals are looking around for this information, you could help them greatly.

  6. Hey! This is my 1st comment here so I just wanted to give a quick shout out and tell you I really enjoy reading your posts.
    Can you recommend any other blogs/websites/forums that go over the same subjects?
    Thanks!

  7. Fantastic beat ! I would like to apprentice while you amend your web site, how could
    i subscribe for a blog site? The account aided me a acceptable deal.
    I had been tiny bit acquainted of this your broadcast offered bright clear
    idea

  8. Pretty component to content. I simply stumbled upon your site and in accession capital to claim that
    I get actually enjoyed account your weblog posts.
    Any way I will be subscribing for your feeds or even I achievement you get entry to constantly rapidly.

  9. Greetings from Carolina! I’m bored to tears at work so I decided to browse your website on my iphone during lunch
    break. I really like the information you present here and
    can’t wait to take a look when I get home. I’m surprised at how fast your blog loaded on my phone ..
    I’m not even using WIFI, just 3G .. Anyhow, awesome blog!

  10. Amazing blog! Do you have any tips and hints for aspiring writers?
    I’m planning to start my own website soon but I’m
    a little lost on everything. Would you propose
    starting with a free platform like WordPress or go for a paid option? There
    are so many options out there that I’m completely confused ..
    Any tips? Many thanks!

  11. Does your site have a contact page? I’m having problems locating it
    but, I’d like to send you an email. I’ve got some recommendations for your blog you might be interested in hearing.
    Either way, great website and I look forward to seeing it grow over time.

  12. Nice post. I learn something new and challenging on websites I stumbleupon on a daily basis.
    It’s always interesting to read articles from other writers and use something from other web sites.

  13. I don’t even know the way I ended up right here, but I believed this submit was great.
    I don’t know who you might be however certainly you’re going to a well-known blogger if you are not
    already. Cheers!

  14. I loved as much as you’ll receive carried out right here.
    The sketch is attractive, your authored material stylish.
    nonetheless, you command get bought an nervousness over that you wish be delivering the following.
    unwell unquestionably come more formerly again since exactly the same nearly very often inside case you shield this
    increase.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.