TRUCCO NELL’ ANTICO EGITTO

Trucco nell'antico Egitto

La cura del corpo era molto importante per gli antichi egizi che utilizzavano creme, unguenti e profumi per ammorbidire e profumare la pelle.

Le donne si schiarivano la pelle con un composto cremoso ricavato dalla biacca, disponibile in colori diversi, dalla più pallida alla più ambrata generalmente destinata alle labbra.

Trucco antico Egitto
Evidenziavano il contorno degli occhi con il kohl nero o verde, rispettivamente estratti dalla golena e dalla malachite.

Le unghie venivano tinte così come le palme delle mani e dei piedi e a volte anche i capelli con una pasta a base di hennè.

Utilizzavano specchi, pinzette per la depilazione e attrezzi per la manicure.

I profumi (utilizzati da uomini e donne come le creme), venivano estratti da fiori, fatti macerare e pigiati.

Tutte le essenze odorose avevano nel dio Shesmu il loro protettore.

Venivano prodotti in laboratori associati ai templi e conservati in vasetti di pasta vetrosa, la faience.

Porta Cosmetici
Porta Cosmetici

Elegante e prezioso cofanetto “da toilette” appartenuto al maggiordomo Renny, vissuto al tempo del faraone Amenemhat III, che comprovava quanta importanza gli antichi Egizi davano al loro aspetto.

Unguentario
Unguentario con il nome del faraone Amenothep III e Teje.
Contenitore per trucchi
Contenitore per khol
Contenitore per khol
Porta cosmetici a forma d'anatra
Porta cosmetici a forma d’anatra

POTREBBE INTERESSARTI
Abbigliamento
Calzature
Trucco

2 pensieri riguardo “TRUCCO NELL’ ANTICO EGITTO

  • Maggio 9, 2021 in 12:41 am
    Permalink

    Hmm it seems like your site ate my first comment (it was extremely long) so I guess I’ll just sum it up what I wrote and say, I’m thoroughly enjoying your blog. I too am an aspiring blog writer but I’m still new to the whole thing. Do you have any tips and hints for inexperienced blog writers? I’d certainly appreciate it.

  • Maggio 13, 2021 in 4:50 am
    Permalink

    Dead composed subject material, appreciate it for entropy. “Life is God’s novel. Let him write it.” by Isaac Bashevis Singer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.