BAAL

Mitologia fenicia
Baal

Baal è considerata la figura centrale del mondo religioso dell’antica Ugarit *

Baal dio della tempesta, del controllo della fertilità e della fecondità, è una delle principali divinità della mitologia fenicia.

Secondo il mito fenicio, la sua residenza era sul monte Casio.

Probabilmente questa scelta, come sede del dio, deriva dal fatto che è la più alta della Siria, inoltre è considerata anche il luogo d’incontro delle acque del firmamento superiore con quelle del firmamento inferiore.

Questa struttura viene ripresa nel Giardino dell’Eden ebraico, delimitato e bagnato dai fiumi Pihon e Gihon.

Altri luoghi sono stati dichiarati sede del Dio Baal. Tra i più conosciuti Sheizar e Sapan, località nella quale Baal si fermò dopo la vittoriosa battaglia con Mot.

La prima parte del ciclo mitologico di Baal purtroppo non ci è pervenuta, poiché i pezzi delle tavole d’argilla sono andati persi.
Mitologia fenicia
El

Il testo restaurato racconta della decisione del sommo dio El, di lasciare il trono divino al figlio prediletto Yam, dio degli abissi marini.

Baal si oppose, e per questo fu imprigionato da Yam nel suo palazzo; in suo aiuto giunge il dio Kothar, che lo liberò. Baal affrontò il dio marino, e con l’aiuto delle sorella e moglie Anat, stordì e addormentò Yam, relegandolo così negli abissi oceanici.

Baal, eletto re degli dei, richiese la costruzione sul monte Saphon (Jebel Aqra) di un grande palazzo degno della sua grandezza.

Terminato il maestoso palazzo, Baal diede una festa alla quale furono invitati tutti gli dei.

L’ unico che si rifiutò di partecipare, fu Mot, signore della morte e degli inferi, che non volle riconoscere la regalità di Baal.

Quest’ultimo si recò negli inferi per sfidare il fratello ribelle, ma fu sconfitto e imprigionato. La sua scomparsa provocò l’assenza della pioggia e di conseguenza una forte siccità.

Mitologia fenicia
Questa statuetta in bronzo da un sito in Libano,intorno al 1400-1200 A.C.potrebbe rappresentare la dea Anat o Astarte

Gli uomini persero fede negli dei, così Anat, e Shapash, dea del sole, partirono in cerca di Baal.

Anat discese negli inferi, affrontò e sconfisse Mot.

Baal finalmente libero affrontò nuovamente Mot, tuttavia i due dei si equivalevano in potenza e nessuno vinse l’epica battaglia. Infine, Mot riconobbe il dominio di Baal sulla Terra facendolo uscire dagli Inferi.

Baal diventò così il indiscusso degli dei.

A volte Baal era paragonato a Marduk o al dio El e poiché più di un dio portava il titolo di “Ba‘al” e più di una dea quello di “Ba‘alat” o “Ba‘alah”.

Solo il contesto di uno scritto o iscrizione può indicare con esattezza di quale “Signore” Ba‘al o “Signora” Ba‘alat, si parli.

Per esempio Ba’al Ammone era il dio supremo dei Cartaginesi ed è generalmente identificato, dagli studiosi moderni, sia con il dio semitico del nord-ovest El, sia con Dagon.

Nonostante i suoi attributi magniloquenti, Baal-Ammon (parte della triade cartaginese con Tanit ed Eshmun) non era la divinità più importante di Cartagine.

Infatti, intorno al VI secolo a.C. iniziò a prendere spazio e maggiore popolarità il culto di Tanit, dea della Luna, delle messi e della buona fortuna.

I Fenici portano il culto di Baal in tutto il Mediterraneo, il dio, con Astarte l’equivalente della greca Afrodite, furono gli Dei della fertilità.

Baal, divenuto ora Dio del Sole, fu adorato in quanto, secondo le indicazioni dei sacerdoti fenici. Era responsabile delle siccità, delle malattie e di altre calamità, particolarmente legate ai raccolti e all’allevamento del bestiame.

Data l’importanza dei compiti di Baal, in tempi di sventura non era raro che scoppiassero frenesie religiose particolarmente efferate, in cui sacrifici umani, soprattutto di bambini, fossero offerti al grande dio Moloch, nome fenicio di Baal.

Nella mitologia greca Baal era associato a Crono, Saturno dai Romani.

Baalbek, nel Libano, deve probabilmente il suo nome al tempio dedicato alla divinità di cui restano imponenti vestigia.

Baal, come molte altre divinità antiche, fu assimilato come demonio nella religione cristiana.

Il culto di Baal giunse anche in Egitto che fu associato al sacro toro che simboleggiava forza e fertilità. Fu durante la XVIII dinastia del Nuovo Regno che il culto di Baal fu formalmente riconosciuto.

Tuttavia, la sua presenza come divinità popolare doveva essere precedente e, in maniera ufficiale provvisoria.

E’ possibile che essa abbia fatto la sua comparsa nelle terre dei faraoni durante il dominio straniero dei semitici Hyksos.

La similitudine tra il mito di Osiride e quello di Baal probabilmente contribuì all’accettazione di Baal come Dio nel pantheon egizio.

Ulteriori somiglianze, poiché Dio delle Tempeste, possono essere trovate con le divinità egizie Seth e Montu.

*Ugarit, attuale Ras Shamra si trova a nord di Latakia in Siria, e al pari di Ur ed Eridu, è considerata una delle più antiche città del mondo.

110 pensiero su “MITOLOGIA FENICIA”
  1. When someone writes an post he/she retains the plan of a user
    in his/her mind that how a user can know it. Therefore that’s why this post is amazing.
    Thanks!

  2. Hi! I’ve been following your blog for a while now and finally got
    the bravery to go ahead and give you a shout out from New
    Caney Tx! Just wanted to tell you keep up the fantastic job!

  3. Thank you a bunch for sharing this with all people you really recognise what
    you are talking approximately! Bookmarked. Please also visit my
    web site =). We may have a hyperlink alternate
    agreement between us

  4. I’m truly enjoying the design and layout of your blog.

    It’s a very easy on the eyes which makes it much more enjoyable
    for me to come here and visit more often. Did you hire out a designer to create your theme?
    Great work!

  5. My brother recommended I may like this web site. He was once totally right.

    This publish actually made my day. You cann’t imagine simply
    how so much time I had spent for this info!
    Thank you!

  6. Hey There. I found your blog using msn. This is a very
    well written article. I’ll make sure to bookmark it and return to read more of your
    useful information. Thanks for the post. I will definitely return.

  7. After looking over a few of the blog articles on your
    blog, I seriously like your technique of writing a blog.
    I bookmarked it to my bookmark site list and will be checking back soon. Please check out my website too
    and let me know how you feel.

  8. I am now not positive the place you’re getting your info, but great topic.

    I must spend a while finding out more or working out more.
    Thanks for wonderful information I was on the lookout for this
    info for my mission.

  9. After looking at a handful of the blog posts on your web site, I truly like
    your technique of blogging. I added it to my bookmark site list
    and will be checking back soon. Please check out my
    web site as well and let me know what you think.

  10. Hi, I think your site might be having browser compatibility issues.

    When I look at your blog in Chrome, it looks
    fine but when opening in Internet Explorer, it has some overlapping.
    I just wanted to give you a quick heads up! Other then that, very good blog!

  11. Excellent blog you have here.. It’s difficult to find
    high-quality writing like yours these days. I truly appreciate people like you!
    Take care!!

  12. I’m really enjoying the design and layout
    of your website. It’s a very easy on the eyes which makes it much more
    pleasant for me to come here and visit more often. Did you hire out a designer to create your theme?
    Exceptional work!

  13. Koko Play Pay konsepti on ruotsalaisen maksupalvelu Trustlyn oma luomus. Kaikki pikakasinot tekevät yhteistyötä Trustlyn kanssa ja rahansiirrot kulkevat poikkeuksetta Trustlyn kautta. Pelejä on enemmän kuin keskivertokasinon verran, ja kuten aiemmin uumoilimmekin, kasinolle on ilmestynyt erilaisia kampanjoita. Pelkkä erinomainen tervetuliaisetu ja helppokäyttöisyys eivät enää riitä pitämään asiakkaita tyytyväisinä, kun aidan toisella puolella on tarjolla mitä houkuttelevampia bonusherkkuja. Ecopayz on kätevä nettilompakko erityisesti mobiilikäyttäjille. Ecopayzin kautta talletukset ja kotiutukset tapahtuvat nopeasti ja luotettavasti. Aivan jokainen nettikasino ei tätä talletustapaa tarjoa, mutta siitä huolimatta kyseessä on tutustumisen arvoinen maksupalvelu kasinolle. https://wool-wiki.win/index.php/Suomi_casinot Kaiken kaikkiaan blackjackin pelaaminen on hyvin yksinkertaista ja kun apuna on vielä strategiataulukko, voi tästä suositusta pöytäpelistä ottaa kaiken irti. Blackjackin suosio perustuukin juuri pelin sääntöjen yksinkertaisuuteen sekä siihen, että sen talon etu on yksi kasinopelien alhaisimmista. Tämä tarkoittaa siis sitä, että pelaajalle on luvassa keskimääräisesti enemmän voittoja, kuin muissa pöytäpeleissä ja etenkin kolikkopelien puolella. Blackjackissa pelaaja voi ottaa vakuutuksen, kun jakajan ensimmäinen kortti on ässä. Tilanne on riskialtis, sillä millä tahansa kuvakortilla jakaja tulee saamaan blackjackin. Todennäköisyyksien mukaan on kuitenkin helpompaa päästä pelissä voitolle ilman vakuutusta kuin sen kanssa. Kokeneet pelaajat eivät siis suosittele vakuutuksen ottamista.

  14. Great article! That is the kind of information that should be shared across
    the internet. Disgrace on Google for now not positioning this publish upper!

    Come on over and seek advice from my website . Thanks =)

  15. I just like the helpful information you provide to your articles.
    I’ll bookmark your blog and take a look at once more here
    regularly. I am fairly certain I’ll learn many new stuff proper here!
    Good luck for the following!

  16. Hi there! This is my first visit to your blog! We are a team
    of volunteers and starting a new project in a
    community in the same niche. Your blog provided us useful information to work on. You have done a wonderful job!

  17. I got this web page from my pal who shared with me concerning this site and at
    the moment this time I am visiting this web site and reading very informative articles or reviews at
    this place.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.