PAPIRO

GEROGLIFICIANTICO EGITTO

Il papiro appartiene alla famiglia delle ciperacee ed è classificato come Cyperus papyrus

Papiro antico Egitto

Il papiro usato per scrivere dagli egizi era composto da liste sottili sovrapposte e incrociate, che venivano ricavate dalla parte interna del fusto tagliata longitudinalmente. Il tutto veniva, quindi, bagnato con acqua, pressato, asciugato e, infine, martellato o raschiato con avorio o conchiglie levigate.

I fogli di papiro, di lunghezza variabile tra i 15 e i 35 cm, venivano arrotolati, probabilmente in strisce lunghe anche 8-10 m. Benché i greci probabilmente conoscessero il papiro fin dall’inizio del V secolo a.C., il più antico papiro greco giunto fino a noi è quello su cui si trova una versione dei Persiani del poeta Timoteo di Mileto, vissuto tra il V e il IV secolo a.C.
L’uso del papiro, adottato anche dai romani, perdurò fino al IV secolo d.C., quando fu sostituito dalla pergamena.

POTREBBE INTERESSARTI

Cronaca demotica
Papiri medici
Papiro erotico di Torino

Geroglifici
L’alfabeto
Sintesi di grammatica egizia
La titolatura reale
Nomi Thutmosi III
Nome Tutankhamon
Nome di Osiride
Lo scriba
Il papiro
La stele di Rosetta
Yung
Champollion
Geroglifici dell’obelisco di San Giovanni Laterano

Un pensiero su “PAPIRO

I commenti sono chiusi.