GRECIA ANTICA

STORIA DEI POPOLI

Grecia antica

Le origini della civiltà greca si collocano verso la fine del II millennio a.C., quando l’Europa sud-orientale ed il Vicino Oriente furono sconvolti da grandiosi fenomeni migratori. Sia dalle regioni montuose del nord, sia dalle desolate steppe orientali intere popolazioni si spostarono e si concentrano lungo le sponde del Mar Egeo.

La penisola Balcanica è interessata dalla calata dei dori. Essi occupano l’intero Peloponneso e la loro invasione coincide con la caduta delle città micenee.

Segue un periodo di crisi profonda e generalizzata.

Sembra sparire ogni forma di arte, viene dimenticato persino l’uso della scrittura che ricomparirà soltanto verso l’VIII secolo a.C. Le nuove popolazioni doriche cominciano a mescolarsi con i superstiti delle precedenti stirpi micenee; da questo lento processo ha origine il popolo degli Elleni.

L’arte assume significati e finalità prima sconosciuti, infatti si libera dai condizionamenti della magia e della religione.

Diventa così libera espressione dell’intelletto umano e razionale ricerca degli ideali assoluti di bellezza e perfezione.

La storia greca è divisa in 4 grandi periodi:
Periodo di formazione: dal XII all’VIII secolo a.C.
Periodo arcaico: dall’VIII al VI secolo a.C.
Periodo classico: tra l’inizio delle guerre persiane (490 a.C.) e la conquista della Grecia da parte di Filippo di Macedonia (338 a.C.).
Periodo ellenistico: fra il 323 (morte di Alessandro Magno) e il 31 a.C. (battaglia di Azio)

POTREBBE INTERESSARTI
Mitologia greca