Trattamento onirico nei templi

VELO DI ISIDE

Iside: i sogni

Nei templi di Iside si praticava la terapia onirica.

Se una persona affetta da una malattia non reagiva alle normali cure, veniva alloggiata nel tempio dove seguiva un regime quotidiano accuratamente prescritto. Sotto la guida dei sacerdoti dormiva attendendo di ricevere da parte di Iside un sogno che rivelasse il metodo di cura da seguire.

Molte steli commemorative e oggetti votivi ritrovati nei templi, attestano che questa terapia sovente fu coronata da successi. Inoltre, membri del clero praticavano anche diverse terapie ugualmente capaci di dare sollievo al paziente .

Nel corso di processioni pubbliche, i sacerdoti e le sacerdotesse, detti pastofori, reggevano piccoli modelli dei santuari di Iside, ma nella quotidianità, dentro il tempio, erano una specie di addetti al pronto soccorso.

Sebbene avessero meno responsabilità di carattere spirituale rispetto ad alcuni loro confratelli, dovevano conoscere tutti i principali rami del sapere medico e dovevano sapere a memoria i Sei Libri di Thot.

I pastofori acquisivano così una profonda conoscenza dell’anatomia generale, di malattie comuni e rare, della composizione di medicine; erano oculisti, ginecologi e chirurghi.

In un’epoca in cui le donne medico erano rare, ed escluse dall’insegnamento anche ad Alessandria, nei templi di Iside c’erano pastofore che praticavano tranquillamente la professione medica.

6 pensiero su “ISIDE: I SOGNI”
  1. Excellent web site. A lot of useful information here. I am sending it to a few pals ans also sharing
    in delicious. And certainly, thank you for your effort!

  2. What’s Taking place i am new to this, I stumbled upon this I have discovered It absolutely helpful and it has helped me out loads.
    I’m hoping to contribute & aid different customers like its helped me.
    Great job.

  3. It is in point of fact a great and useful piece of info.
    I am happy that you just shared this helpful info with us.
    Please stay us informed like this. Thank you for sharing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.