IL NAZISMO OCCULTO

OCCULTISMO

Il nazismo occulto
CC BY-SA 2.0 de, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=72302
Il “sole nero” copia del disegno a mosaico conservato al castello di Wewelsburg.

Con l’ascesa del nazismo, la Germania subì notevoli cambiamenti culturali. Al fianco della nota Ahnenerbe o alla società Thule, nacquero nuove fratellanze segrete.

Un chiaro esempio fu la società del Sole Nero all’interno delle SS.

L’ intenzione di Himmler era quella di creare una cultura tedesca che discendesse dalla mitologia germanica e quindi da correnti esoteriche e iniziatiche del passato.

Castello di Wewelsburg
Ne è un chiaro esempio il castello di Wewelsburg che Himmler fece ristrutturare facendolo diventare il Tempio Sacro del nazismo.

Mentre la società Thule era la mente, le SS dell’Ahnenerbe diventarono il braccio armato, unendo in un unico ideale esoterismo ed essoterismo. Alle varie spedizioni parteciparono antropologi, archeologi, storici delle religioni in cerca di prove che avvalorassero l’esistenza della razza ariana.

Tre reliquie erano all’apice delle ricerche.

Il compito di trovarle fu dato ad un gruppo di uomini, sovvenzionati dall’ Ahnenerbe nel periodo che va dal 1935 al 1945. La prima fu la lancia di Longino che secondo la tradizione avrebbe trafitto il costato di Gesù durante la crocifissione. Hitler vide la lancia nel 1909 a Vienna nel museo dell’Hofburg e ne rimase talmente colpito che il possederla divenne per lui un’ossessione. Arrivò persino a credere di essere la reincarnazione del principe longobardo Landolfo II di Capua.

Quando nel 1938 la Germania annesse l’Austria, la lancia fu portata nella Cattedrale di Norimberga, dove fu oggetto di venerazione tanto che il luogo diventò ben presto un santuario del Nazismo.

Altri due oggetti suscitarono l’interesse maniacale del Terzo Reich: il Santo Graal e l’Arca dell’Alleanza.
Arca dell'Alleanza

Tra coloro che si distinsero maggiormente nella caccia alle due reliquie troviamo due ufficiali delle SS Otto Rahn e Otto Skorzeny, quest’ultimo entrò a far parte della storia liberando Mussolini dalla sua prigione sul Gran Sasso.

Anche la Francia fu oggetto di attente ricerche.

Nel 1929 Rahn visitò il castello di Montsegur, che si trova a soli 40 km da Rennes le Chateau. Studiò a fondo il mistero legato a Rennes le Chateau e all’antico segreto cataro. Le sue ricerche lo portarono, come scrisse più volte a Himmler, vicino alla scoperta di un grande segreto che non rivelò mai a nessuno.

Rahn morì misteriosamente il 16 marzo del 1939 sulle Alpi Svizzere. Il suo corpo non fu mai ritrovato. Si suppone che fu ucciso perché venuto in possesso di informazioni scottanti oppure per non aver condiviso quel misterioso segreto.

Tuttavia il Reich non smise le sue ricerche e nel giugno del 1944 inviò a Montsegur la più spietata delle divisioni delle SS, la Das Reich.

A questo punto è lecito domandarsi perché la Germania in pieno conflitto mondiale, mandò una delle sue migliori divisioni in questo borgo sperduto.

Alcuni suggeriscono che dovessero recuperare o proteggere degli oggetti sepolti in queste zone.

Nel 1941 l’Africa Korps nazista, comandata dal generale Rommel, fu inviata nell’Africa settentrionale con il compito di aiutare le forze italiane in conflitto con quelle inglesi. Dalla lettura di recenti documenti si è venuti a conoscenza che oltre alla spedizione militare vi era anche una missione segreta, il cui compito era quello di verificare se all’interno della piramide di Cheope vi fosse una cripta.

Nella cripta il Reich pensava fossero celati i “libri segreti di Toth” che, secondo alcuni esoteristi del tempo, riportavano il sapere di Atlantide.

La ricerca di conoscenze perdute e rituali sacri furono i primi passi verso un percorso iniziatico che portò a cercare in ogni angolo della terra elementi e oggetti in modo da conferire forza e valore al Reich.

Cosa che come ben sappiamo non avvenne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *