INCA – MESSICO

Il tesoro di Atahualpa

In cambio della sua liberazione, Atahualpa imperatore degli Inca, offrì tanto oro da riempire la stanza della sua prigione.

Mentre saccheggiavano il Messico, ai conquidatores arrivò voce sull’esistenza di un favoloso regno dell’oro, che si trovava più a sud.

Questi racconti nacquero probabilmente sull’onda di un rito visto in Colombia tra i nativi, i quali. si diceva, inaugurassero il regno di un nuovo re cospargendone il corpo con polvere d’oro e facendo offerte con oro e smeraldi gettati in un lago sacro.

Francisco Pizzarro decise così di cercare l’El Dorado (l’uomo d’oro).

Si diresse verso il Perù e con i suoi uomini fece prigioniero Atahualpa, che s’impegnò a riempire d’oro la stanza della sua prigione in cambio della libertà.

Pizzarro accettò l’offerta.

A Cuzco, capitale degli Inca, il palazzo reale era ornato di un prezioso giardino tutto d’oro, con spighe di grano d’orato e animali d’oro di grandezza naturale. Gli Spagnoli pensarono che se quello non era l’Eldorado, si avvicinava comunque molto.

Il locale della prigione di Atahualpa era lungo sette metri, largo cinque e alto due metri e mezzo. Fu riempito d’oro fino al soffitto, altre due stanze più piccole furono riempite d’argento.

L’imperatore aveva mantenuto la sua promessa, ma non i conquidadores, Pizzarro prima lo fece battezzare e poi lo fece strangolare.

Nulla di tutto quell’oro, tra cui c’erano i tesori del tempio del Sole di Cuzco, scampò dalle avide mani degli Europei.

Occorse un mese di lavoro di nove fabbri per fondere gli oggetti d’oro e trasformarli in lingotti.

18 pensiero su “IL TESORO DI ATAHUALPA”
  1. You actually make it seem really easy together with your presentation however I to find this matter to be actually something which I believe I might never understand. It seems too complex and very huge for me. I’m having a look ahead on your next publish, I will try to get the hold of it!

  2. Excellent read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch as I found it for him smile Thus let me rephrase that: Thanks for lunch! “A thing is not necessarily true because a man dies for it.” by Oscar Fingall O’Flahertie Wills Wilde.

  3. I’ve been browsing online greater than 3 hours nowadays, but I by no means found any interesting article like yours. It is pretty price sufficient for me. In my view, if all site owners and bloggers made excellent content as you did, the internet will likely be much more useful than ever before.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *