IMBOSCATA NEL TRIANGOLO DI FERRO

GUERRA DEL VIETNAM

Imboscata nel triangolo di ferro

Agosto 1965
Le Truppe USA intraprendono le operazioni nel famoso Triangolo di Ferro, uno dei principali santuari del fronte di liberazione.

A due Battaglioni della 173ª brigata Aviotrasportata, affiancati da un battaglione del 1° Royal Australian Regiment, fu affidato il compito di sferrare un attacco per bloccare le operazioni nei pressi di Ben Cat.

Aerei, elicotteri ed artiglieria furono messi in stato d’allarme.

Per far sì che i viet cong uscissero fuori dal labirinto di gallerie, le forze aviotrasportate furono dotate di una nuova arma. Si trattava di granate di gas lacrimogeno CS, che sviluppavano una spessa nube di fumo acre. Attivate agli ingressi delle gallerie dovevano saturare i cunicoli e costringere i guerriglieri a venire fuori.

Per trasportare i battaglioni, fu necessario impiegare 110 elicotteri.

Le zone d’ atterraggio erano sotto il fuoco nemico, che venne ben presto costretto alla ritirata dal cannoneggiamento dell’artiglieria proveniente dalle basi di Ben Cat e di Bien Hoa, degli elicotteri da attacco e dai lanciarazzi. A 7 Km ad ovest di Ben Cat, la compagnia Charlie costituiva la linea estrema del fianco sinistro della TAOR (Tactital Area of Responsbility, Area di responsabilità tattica).

72 km² ricoperti da boscaglia e piantagioni di caucciù abbandonate, questa era la zona da perlustrare.

Gli elicotteri non si posavano per far scendere le truppe, che saltavano a terra da circa 50 cm d’altezza, mentre i mitraglieri dai portelloni riversavano centinaia di colpi nella boscaglia. Per tutta la notte l’artiglieria, continuò a bombardare la zona nel tentativo di disperdere eventuali concentramenti di truppe avversarie.

Prima dell’alba iniziò la marcia, l’uomo alla testa della colonna si apriva la strada a colpi di machete e doveva essere sostituito ogni dieci minuti,

L’obiettivo era un’aerea di circa 300 m e fu raggiunto all’una di notte. Una sentinella notò alcune figure passare lungo un filare d’ alberi, i soldati aprirono il fuoco ed il nemico si dileguò nel sottobosco.

La marcia riprese e ben preso furono trovati vecchi bunker e buche. L’obiettivo successivo era una strada che attraversava una piantagione di caucciù a nord del fiume Saigon. Per muoversi attraverso la zona abitata, i soldati dovettero prima attendere un lancio di volantini che avvisava la popolazione civile di tenersi pronta ad allontanarsi e cercare rifugio a Ben Cat.

Il lancio era programmato per le 14.30, alle 15.00, quando gli americani si rimisero in marcia, una forte esplosione proprio di fronte alla colonna e raffiche di armi leggere, echeggiarono lungo il sentiero.

Più tardi si venne a sapere che gli uomini di testa della compagnia B, si erano fermati a leggere un cartello, scritto in vietnamita, posto sul lato della strada.

I soldati fecero cerchio intorno all’interprete che tradusse:”Tutti gli americani che leggono questo, muoiono”.

Subito l’esplosione.

Contemporaneamente i guerriglieri aprirono il fuoco da trincee e fortini ben mimetizzati. I soldati erano allo scoperto, non vi era nessun posto dove nascondersi. Sei morti e 19 feriti sulla strada che per oltre 200m era cosparsa di corpi dilaniati, arti spezzati e uomini martoriati.

Gli M16 americani continuavano a sparare, accompagnati dal crepitio delle mitragliatrici M60 e dal tonfo dei lanciagranate M79. I guerriglieri si ritirano rapidamente, ben sapendo che di lì a poco si sarebbe scatenato l’inferno. Dopo due minuti, partirono i primi colpi d’artiglieria e gli F100 Super Sabre iniziarono a sganciare ordigni al Napalm.

D’improvviso il silenzio.

Il primo elicottero fece la sua comparsa diretto verso il punto di atterraggio, indicato dalla granate fumogene.

I morti e i feriti furono caricati e portati all’ospedale da campo di Bien Hoa.

L’incidente del Golfo del Tonchino
Il 6 agosto 1964 il Congresso degli Stati Uniti approvò la “Risoluzione del Golfo del Tonchino”, con la quale si autorizzava il presidente Lyndon Johnson a prendere tutte le misure necessarie per respingere gli attacchi contro le forze americane.

Imboscata nel Triangolo di Ferro
Agosto 1965 Le Truppe USA intraprendono le operazioni nel famoso Triangolo di Ferro, uno dei principali santuari del fronte di liberazione.

Napalm e Agente Arancio
I primi voli avevano a bordo piloti sud vietnamiti, e i Ranch Hand era considerati semplici “consiglieri” del programma Farm Gate, ma il comando da parte vietnamita era solo sulla carta e presto furono messi da parte.

Sentiero di Ho Chi Min
Fu un’impresa enorme, ma alla fine il Sentiero di Ho Chi Minh fu trasformato in una rete funzionale di collegamento tra Nord e Sud

Arruolamento
Impopolare, ingiusto e viziato da pregiudizi razziali. Questo fu il sistema d’arruolamento che mandò a combattere 2 milioni di americani.

Le truppe USA
Tra gennaio e dicembre del 1965, il numero dei soldati americani salì da 23.000 a 184.000 unità.

I nuovi arrivati
In Vietnam un soldato appena arrivato era trattato dal suo plotone come una non-persona da evitare finché non diventava come gli altri

Vietcong: la tattica
Anche se ben armati, i soldati americani erano letteralmente travolti dai viet cong che attaccavano in massa, si impossessavano delle armi e sparivano nuovamente nella boscaglia

Offensiva del Tet
Gli Stati Uniti erano in Vietnam, da circa tre anni. Perchè furono sorpresi dall’Offensiva del Tet?

Nasce la protesta pacifica
“Sono convinto che bombardare con il napalm i villaggi vietnamiti sia un atto immorale”

L’inferno di Khe Sahn
Quota 881Sud era una delle alture che sovrastavano la base di Khe Sanh, una collina dalle pendici ripide che s’ innalzava di 500m sopra le valli

Programma Phoenix
A causa dell’alto numero di esecuzioni il programma Phoenix fu accusato di essere un programma di massacro voluto dalla CIA. Alcuni membri dichiararono in seguito, che le uccisioni indiscriminate erano frequenti.

Operazione Starlite
L’Operazione Starlite, 18 agosto 1965, fu il primo impegno importante degli Stati Uniti in Vietnam

Operazione Ivory Coast
Il 21 Novembre 1970 una forza d’assalto americana attaccava un complesso militare nord-vietnamita per liberare dei prigionieri di guerra.

Medevac
Le missioni di evacuazione sanitaria seguivano tutte la stessa procedura. Veniva richiesto l’intervento di un elicottero “medevac” con una chiamata priorità-1

La mobilità aerea
La prima guerra combattuta da elicotteri, fu proprio quella del Vietnam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.