ASGARD

MITOLOGIA NORDICA

Asgard

Asgard sorgeva in cima al ponte arcobaleno e splendeva più del sole. La recinzione che lo circondava era stata costruita con pali d’oro e doghe d’argento.

Gli Asi amavano i metalli preziosi e gli gnomi erano sempre ben attenti che oro e argento non mancassero mai.

Al centro di Asgard sorgeva il paradisiaco campo verde di Ida. Era lì che gli dei e le loro mogli passeggiavano o giocavano a scacchi con pedine d’oro su scacchiere d’oro.

Tutt’intorno sorgevano i meravigliosi palazzi degli Asi.

Il più alto di tutti gli edifici era una torre d’argento che gli dei avevo costruito per Odino e sulla cui sommità si trovava il suo trono, il Lidskjalf.

Da lassù, Odino, poteva vedere tutto quello che facevano gli uomini e le donne e anche quello che succedeva sottoterra.

Riusciva persino a vedere cosa stavano tramando gli jotun nella lontana Jotunheim.

A nessuno degli Asi era permesso sedersi sul suo alto trono.

Tuttavia di tanto in tanto, permetteva a Frigg, la sua amatissima sposa, di condividerlo con lui ed insieme scrutavano il mondo umano e tutti i segreti che racchiudevano.

La creazione:gli dei
In quel tempo nulla esisteva, non il sole splendente, non la luna, le stelle e la terra sulla quale camminare.

La creazione:l’uomo
Gli Asi erano molto compiaciuti del mondo che avevano creato, ma sentivano che ancora mancava qualcosa in questa meraviglia: l’uomo.

Asgard
Sorgeva in cima al ponte arcobaleno e splendeva più del sole, la recinzione che lo circondava era stata costruita con pali d’oro e doghe d’argento.

Yggdrasil
Al centro della terra vi era un’enorme frassino :Yggdrasil e sinché fosse rimasto in piedi il mondo degli Asi sarebbe esistito.

Thor
Figlio di Odino e di Jord o Jorth dea della terra, una jotun accettata tra gli Asi, era il più forte di tutti gli dei.

Heimdall
Heimdall, figlio di Odino e guardiano degli Asi, fu generato da nove sorelle jotun ed avendo tante madri non poteva che essere bellissimo

Njord, Frey e Freya

Loky
In gioventù, ancor prima di appendersi all’albero di Yggdrasil e bere alla Fonte della Saggezza, Odino conobbe uno jotun di nome Loki.

Le mele di Idunn
Sposa del dio della poesia Bragi, a Idunn è attribuito il possesso dei frutti miracolosi dei quali gli dei si nutrono per mantenersi immortali senza invecchiare.

Odino
Un saggio viandante, il volto nascosto da un cappello dalla larga tesa, un mantello blu intessuto di stelle a coprire il possente torace, andava in giro per la terra mettendo alla prova l’ospitalità della gente.
 – La Fonte della Saggezza
 – Fu grazie ad uno jotun che Odino poté bere alla fonte della Saggezza che sgorgava da Yggdrasil

Valhalla E Valchirie
Le Valchirie avevano il compito di portare gli eroi morti combattendo nel Valhalla, uno dei palazzi di Asgard, residenza dei morti in battaglia.

Fenrir e il crepuscolo degli dei
Il lupo Fenrir era figlio di Loki (uno jotun fratello di sangue di Odino) e Angrbodhra (Presagio del Male) che avevano generato anche altri due figli Jormungandr (il serpente) e Hel (Colei che nasconde)

Sigfrido

Siegfried English version

Vichinghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.