LOKI

MITOLOGIA NORDICA

Loki

In gioventù, ancor prima di appendersi all’albero di Yggdrasil e bere alla Fonte della Saggezza, Odino conobbe uno jotun di nome Loki.

Figlio del gigante Farbauti, e della dea Laufey, non era rozzo e deforme come la maggior parte di quelli della sua stirpe, Anzi aveva un aspetto delicato e gentile. A differenza degli altri jotun che potevano trasformarsi solo in lupi o aquile, Loki poteva assumere qualsiasi sembianza.

Sposo della gigantessa Angrboða (presagio del male), aveva generato vari esseri mostruosi e temibili come il lupo Fenrir, il serpente di Midgardr ed Hel la terribile dea della morte.

Odino era talmente affascinato dalle mente pronta e brillante di Loki, che in svariate occasioni aveva aiutato il sovrano degli Asi e suo figlio Thor ad affrontare imprese pericolose e a ristabilire l’ordine, da proporre allo jotun di diventare suo fratello di sangue.

Prontamente Loki accettò l’offerta.

I due si fecero un taglietto in una vena del braccio lasciando che il loro sangue si unisse giurando che da buoni fratelli sarebbero rimasti sempre vicini, pronti a difendersi a vicenda.

Fu così che lo jotun divenne uno degli Asi, si trasferì ad Asgard dove venne accolto con benevolenza da tutti, in particolare da Thor che si compiaceva di averlo sempre al suo fianco. Odino gli concesse in moglie la dolce e gentile Sigunn, con la quale generò Narfi e Vali, che sempre dimostrò aver gran pazienza nei confronti dell’imprevedibile marito.

Ma Loki aveva una personalità ambigua con un lato oscuro, maligno e ingannatore e nonostante appartenesse agli Asi, per nascita era imparentato con i giganti simboli del caos.

Loki rappresentava il male necessario per il mantenimento dell’equilibrio cosmico, a volte nemico a volte alleato degli dei, era il male contenuto nella creazione primordiale.

Molte furono le malefatte di Loki

Oltre a rubare il gioiello di Freya, tagliare i capelli alla dolce Sif e tormentare sotto forma di moscone i nani che stavano forgiando il martello di Thor, provocò la morte di Baldr e ne impedì la resurrezione.

Per questo gli dei lo punirono legandolo a delle rocce con un serpente che faceva colare il suo veleno corrosivo sul viso dello jotun. Alla fine dei tempi Loki riuscirà a liberarsi dal suo supplizio e duellerà fino alla morte con Heimdallr nel corso del Ragnarök.

La creazione:gli dei
In quel tempo nulla esisteva, non il sole splendente, non la luna, le stelle e la terra sulla quale camminare.

La creazione:l’uomo
Gli Asi erano molto compiaciuti del mondo che avevano creato, ma sentivano che ancora mancava qualcosa in questa meraviglia: l’uomo.

Asgard
Sorgeva in cima al ponte arcobaleno e splendeva più del sole, la recinzione che lo circondava era stata costruita con pali d’oro e doghe d’argento.

Yggdrasil
Al centro della terra vi era un’enorme frassino :Yggdrasil e sinché fosse rimasto in piedi il mondo degli Asi sarebbe esistito.

Thor
Figlio di Odino e di Jord o Jorth dea della terra, una jotun accettata tra gli Asi, era il più forte di tutti gli dei.

Heimdall
Heimdall, figlio di Odino e guardiano degli Asi, fu generato da nove sorelle jotun ed avendo tante madri non poteva che essere bellissimo

Njord, Frey e Freya

Loky
In gioventù, ancor prima di appendersi all’albero di Yggdrasil e bere alla Fonte della Saggezza, Odino conobbe uno jotun di nome Loki.

Le mele di Idunn
Sposa del dio della poesia Bragi, a Idunn è attribuito il possesso dei frutti miracolosi dei quali gli dei si nutrono per mantenersi immortali senza invecchiare.

Odino
Un saggio viandante, il volto nascosto da un cappello dalla larga tesa, un mantello blu intessuto di stelle a coprire il possente torace, andava in giro per la terra mettendo alla prova l’ospitalità della gente.
 – La Fonte della Saggezza
 – Fu grazie ad uno jotun che Odino poté bere alla fonte della Saggezza che sgorgava da Yggdrasil

Valhalla E Valchirie
Le Valchirie avevano il compito di portare gli eroi morti combattendo nel Valhalla, uno dei palazzi di Asgard, residenza dei morti in battaglia.

Fenrir e il crepuscolo degli dei
Il lupo Fenrir era figlio di Loki (uno jotun fratello di sangue di Odino) e Angrbodhra (Presagio del Male) che avevano generato anche altri due figli Jormungandr (il serpente) e Hel (Colei che nasconde)

Sigfrido

Siegfried English version

Vichinghi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *